,,
Virgilio Sport SPORT

Ciclismo in lutto, Cristopher Mansilla muore di Covid a 30 anni

Il campione cileno, ex campione panamericano, Cristopher Mansilla ha contratto il Covid-19 e a due settimane dal ricovero è mancato per complicazioni polmonari

Lo sgomento, oggi, coglie ancora più in profondità perché una perdita causata dal Covid-19 di un giovane, quale era Cristopher Mansilla, non sembra solo ingiusta ma evitabile. Invece, in questo pomeriggio di ciclismo l’annuncio della sua scomparsa rompe gli equilibri e ammette una vulnerabilità ancora più dolorosa, non solo per la sua famiglia, i suoi cari ma per l’ambiente del ciclismo.

Il Covid si è preso anche Mansilla, campione cileno

A sole due settimane dal suo 31° compleanno, è morto Cristopher Mansilla, uno dei corridori più rappresentativi del suo Paese, il Cile ed ex campione panamericano su pista. Un appassionato professionista che aveva donato soddisfazione grazie al suo sacrificio, alla forza nelle gambe e nella testa, come il suo ultimo post su Facebook ancora una volta ha dimostrato.

Il corridore aveva partecipato ai Mondiali su pista nel 2012, ai Giochi Panamericani su pista in cui aveva raccolto i risultati più importanti: due ori nell’Americana (2011 e 2012), un argento nell0 Scratch (2011) e un altro nell’Omnium (2014), oltre a due bronzi nello Scratch (2014 e 2015). Inoltre ha vinto un oro nel 2008 e un bronzo nel 2009 nella specialità sprint a squadre.

L’ultimo post di Mansilla su Facebook

A causa di complicazioni legate alla malattia che aveva intaccato gravemente i suoi polmoni, Mansilla era stato sedato e gli era stato indotto il coma. Poco prima aveva deciso di pubblicare un post commovente su Facebook, un contenuto che adesso rimane l’ultimo tributo alla vita, ai suoi genitori, agli amori più veri di un ragazzo di neanche 31 anni.

“Mi indurranno in coma a causa del problema ai polmoni che mi affligge. Vediamo se questo corpo non è arrugginito e può svegliarsi ancora una volta. Posso solo ringraziare la mia famiglia, il mio fratellino, mamma e papà per tutto, e gli amici per il loro sostegno. Con questo vi saluto fino alla fine di questa tappa decisiva. Saluti e benedizioni a tutti”, aveva scritto il campione.

L’annuncio della cugina di Mansilla dopo la speranza

A confermare l’atroce scomparsa di Cristopher è stata sua cugina, Katherinne Carolina Inostroza Mansilla, che ha deciso di condividere pubblicamente il suo dolore e di ricordare la gioiosa e entusiasta passione per lo sport, il ciclismo e la vita di Mansilla.

“Vola in alto campione, hai vinto molte gare nella tua breve vita e oggi ti aggiungi agli angeli visto che eri una bella persona.
Ho storie indelebili accanto a te, aneddoti per milioni e sii sicuro che li custodirò nel profondo del mio cuore.
Ti voglio bene cugino bellissimo…”, uno dei passaggi più toccanti del suo post riportato dai media cileni, tra cui La Terzera.

Grande sofferenza e un ricordo partecipe è stato diffuso poi anche dal Comitato Olimpico cileno ha pubblicato un messaggio sui propri account social:

“Riposa in pace. Dal Team Chile ci rammarichiamo per la morte di Cristopher Mansilla, un eccezionale ciclista di soli 30 anni e pluripremiato panamericano”.

VIRGILIO SPORT | 12-05-2021 17:27

Leggi anche:

SPORT TREND

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...