Virgilio Sport

Giro: a Melfi il re è Matthews. Evenepoel sempre in rosa

Volata ristretta a Melfi dopo che i migliori si erano sfidati sulle due salite di giornata. Maglia azzurra al francese Pinot, vincitore dei due GPM

Ultimo aggiornamento 08-05-2023 18:42


Riassunto dell'evento

Ordine d’arrivo della 3a tappa Vasto-Melfi

  1. Michael Matthews (Team Jayco Alula) 5:01:41, abbuono 10”
  2. Mads Pedersen (Trek Segafredo), abbuono 6”
  3. Kaden Groves (Alpecin-Deceuninck), abbuono 4”
  4. Vincenzo Albanese (Eolo Kometa)
  5. Stefano Oldani (Alpecin-Deceuninck)
  6. Sven Erik Bystrom (Intermarché-Circus-Wanty)
  7. Primoz Roglic (Jumbo-Visma)
  8. Simone Velasco (Astana Qazaqstan Team)
  9. Toms Skujins (Trek Segafredo)
  10. Andrea Vendrame (AG2R Citroen Team)

Sintesi della tappa

Michael Matthews è il più veloce nel rettilineo finale di Melfi, con una pendenza del 5%. Non è stata volata di gruppo generale, proprio come ci si aspettava, ma tutti i migliori erano lì. La sfida nell’ultimo chilometro è stata tra l’australiano del Team Jayco Alula e l’ex iridato Mads Pedersen (Trek-Segafredo). Un testa a testa di potenza, con Matthews che conquista il terzo successo al Giro d’Italia, dopo quelli del 2014 e del 2015, interrompendo così un digiuno di 300 giorni. Nelle prime posizioni della tappa anche Groves, Albanese e Oldani. “Sono senza parole – ha dichiarato subito dopo l’arrivo il vincitore di tappa – Tornare dopo 3 mesi con questa vittoria da dedicare alla squadra è incredibile. È più di quanto potessi sognare. Siamo riusciti a staccare Pederson sulla salita, speravo che fosse più stanco in volata e così è andata. Sono venuto qui per divertirmi e fare squadra. Abbiamo lavorato come un gruppo veramente coeso”

Evenepoel mantiene la Rosa

La maglia rosa resta sulle spalle di Remco Evenepoel, che non ha mostrato alcuna intenzione di cederla. Anzi, nel traguardo valido per la classifica a punti ha disputato la volata con Roglic per non cedere secondi: per lui 2” di abbuono, per lo sloveno 1”. E lotta tra i migliori è stata anche sulle prime due salite con punte oltre il 10% di questo Giro d’Italia. Proprio lungo la prima salita sono stati ripresi i due fuggitivi di giornata, Alexander Konychev e Veljko Stojnic, compagni di squadra al Team Corratec. Erano partiti sperando di portare via un gruppetto, sono rimasti soli ad affrontare la pazzesca sfida contro il gruppo. Almeno sino alla salita. A quel punto i protagonisti sono stati i capitani, con Evenepoel e Roglic sempre nelle prime posizioni del gruppo. Il più attivo in vista dei GPM è stato Thibaut Pinot (Groupama FDJ), che ha conquistato sia quello del Valico dei Laghi di Monticchio (3a categoria) sia quello del Valico La Croce (4a categoria). Caduta nella discesa finale per Joao Almeida (UAE Team Emirates), che è stato costretto a cambiare la bici danneggiata.

Maglia Ciclamino – Classifica a punti: Jonathan Milan (Bahrain Victorious)

Maglia Azzurra – Gran Premio della Montagna: Thibaut Pinot (Groupama FDJ)

Maglia Bianca – miglior giovane: Remco Evenepoel (Soudal Quick-Step)

Classifica generale dopo la 3a tappa

  1. Remco Evenepoel (Soudal Quick-Step), 10:18:07
  2. Joao Pedro Almeida (UAE Team Emirates), 0:32
  3. Primoz Roglic (Jumbo-Visma), 0:44
  4. Stefan Kung (Groupama – FDJ), 0:46
  5. Geraint Thomas (Ineos Grenadiers), 0:58
  6. Aleksandr Vlasov (Bora – Hansgrohe), 0:58
  7. Tao Geoghegan Hart (Ineos Grenadiers), 1:02
  8. Michael Matthews (Team Jayco Alula), 1:02
  9. Jay Vine (UAE Team Emirates), 1:08
  10. Mads Pedersen (Trek Segafredo), 1:18

CLASSIFICA COMPLETA


Giro d’Italia 2023
Percorso | Numeri di gara| Montepremi| Regolamento

Il racconto della giornata

  1. Evenepoel mantiene la rosa
    17:12
  2. A Melfi il più veloce è Matthews!

    Sul traguardo di Melfi si impone Michael Matthews su Pedersen. Il corridore della Jayco Alula raggiunge così il suo 40esimo successo in carriera.

    17:07
  3. Ultimo chilometro
    17:06
  4. -1.3 km

    Evenepoel cura la ruota di Roglic

    17:05
  5. -4 km

    Albanese e Matthews nelle prime posizioni. La strada torna a salire

    17:02
  6. -6 km

    nelle prime posizioni torna a vedersi Zana (Team Jayco-AlUla)

    17:00
  7. -7 km

    i corridori si avvicinano a Melfi

    16:58
  8. -9.7km
    Sprint: Evenepoel su Roglic

    volata di Roglic ed Evenepoel per la conquista degli abbuoni

    16:55
  9. -13.8

    Jumbo Visma, Ineos, Soudal Quick Step lavorano per i propri capitani

    16:50
  10. -15 km
    Problema per Almeida

    Caduta per il portoghese terzo in classifica generale

    16:47
  11. -17 km
    Roglic c'è!

    Nelle prime posizioni del gruppo anche Primoz Roglic

    16:46
  12. -19 km

    davanti sono circa 65 corridori

    16:44
  13. -21.5 km
    McNulty si riporta sul gruppo davanti

    Il gruppo si ricongiunge lungo la discesa

    16:42
  14. -24 km
    2° GMP: è ancora Pinot

    Anche sul GMP del Valico La Croce il primo a passare la linea è Pinot, che così aumenta il proprio punteggio per la maglia azzurra

    16:38
  15. -26.9 km

    Selezione per prendere nelle migliori posizioni la discesa. Si stacca la maglia bianca McNulty

    16:36
  16. 106th Giro d’Italia 2023 – Stage 3 Fonte:gettyimages

    La maglia rosa Remco Evenepoel viaggia sempre nelle prime posizioni del gruppo

    16:33
  17. -29 km

    Il gruppetto di testa inizia il Valico La Croce

    16:29
  18. -33 km
    Il GPM è di Thibaut Pinot

    il corridore della Groupama FDJ si aggiudica il primo GPM di giornata. Sua al momento la maglia blu

    16:25
  19. -35 km

    Il tricolore Zana in testa al gruppo quando mancano 35 km all’arrivo. Sono stati ripresi i due fuggitivi di giornata

    16:21
  20. -36 km

    Stojnic stacca il compagno di fuga Konychev

    16:21
  21. animazione in testa al gruppo quando attaccano la salita. 1’14” il ritardo. la maglio rosa di Evenepoel è nelle prime posizioni

    16:10
  22. -39.8 km
    Inizia la salita verso i Laghi di Monticchio

    All’inizio della salita la coppia di testa ha 1’43” sul gruppo principale. Tutti i big vogliono stare davanti per evitare cadute e non perdere il momento decisivo di eventuali azioni. Pioggia sulla corsa.

    16:08
  23. -48 km

    Nel gruppo davanti a lavorare ci sono la EF, la Ineos, la Soudal Quick Step

    15:57
  24. -66 km
    106th Giro d’Italia 2023 – Stage 3 Fonte:gettyimages
    Ancora in fuga Alexander Konychev e Veljko Stojnic!

    La coppia della Corratec Selle Italia ha un vantaggio di 1’33”

    La loro azione è iniziata appena partita la tappa. Alexander Konychev e Veljko Stojnic provano a portare via una fuga da lontano. Nessuno si porta sulla loro ruota, ma i due non demordono e in poco tempo acquistano oltre 1’ sul gruppo. Il loro vantaggio massimo ha raggiunto i 7’. Konychev nel corso della fuga è stato anche maglia rosa virtuale: infatti, è partito da Vasto con un ritardo di 4’02” da Evenepoel. Sul traguardo di Foggia (al km 107) Alexander Konychev precede Veljko Stojnic. Nel gruppo, con un ritardo di 1’50”, si impone Mads Perteson (Trek-Segafredo).

    15:33
  25. T04_Viggiano_alt
    Tappa di oggi: Vasto-Melfi

    La tappa si divide in due parti: i primi 173 km sono completamente piatti, gli ultimi 30 sono abbastanza mossi. Si sale ai Laghi di Monticchio, 6,3 km al 6,4%. Una salita inizialmente pedalabile, prima di 4 km più insidiosi con pendenze al 7,5% di media e punte che superano il 10%. Finita la salita, valida come GPM di 3^ categoria, i corridori affrontano un tratto pianeggiante di 4,5 km e poi tornano a salire verso il Valico La Croce: 2,6 km al 7,6% e punte ancora oltre il 10% (GPM di 4^ categoria). Scollinato il Valico La Croce 15 km di discesa pedalabile, seppur tortuosa, e poi ulteriori 12 chilometri per raggiungere il traguardo di Melfi caratterizzati da un continuo saliscendi. Attenzione all’ultimo chilometro: leggera discesa sino ai meno 750 metri, dove dopo una curva a sinistra la strada torna pianeggiante. Sono soltanto 400 metri, perché ai meno 350 metri al traguardo i corridori affrontano una curva a destra (l’ultima) e si immettono sul rettilineo finale che ha una pendenza del 5%.

    15:08
  26. T13_Jesolo_plan

    La tappa Vasto – Melfi percorre la costa adriatica lungo la SS 16 per i primi 90 km, per poi inoltrarsi all’interno seguendo la statale 655 Bradanica, che si snoda tra Puglia e Basilicata. Dopo 150 km i corridori prenderanno la SS 401 dell’Alto Ofanto e del Vulture. Le pendenze di giornata iniziano ad essere vicine. Al km 173,2 i ciclisti gireranno al bivio per Monticchio Bagni da cui inizia la scalata verso il Valico dei Laghi di Monticchio e successivamente verso il Valico La Croce. Si scende quindi a Rionero in Vulture, da dove seguendo la ss 93 Appulo Lucana si arriva a Rapolla, dove i corridori prenderanno la SS 303 del Formicoso per arrivare a Melfi dove è posto il traguardo di tappa.

    12:30
  27. magnus-cort Fonte:Getty Images

    Potrebbe essere la giornata adatta per Magnus Cort (EF Education-EasyPost), Michael Matthews (Team Jayco AlUla), Mads Pedersen (Trek-Segafredo), Andrea Vendrame (AG2R Citroën Team), Vincenzo Albanese (EOLO-Kometa) o Kaden Groves (Alpecin-Deceuninck). E chissà che Jonathan Milan (Bahrain – Victorious) dopo la splendida vittoria di ieri non voglia concedersi il bis al Giro. Nonostante la stazza fisica, Milan ha già mostrato di sapersi difendere anche su salite più impegnative di quelle che saranno affrontate oggi.

    Da non escludere che possano decidere di fare la gara anche gli uomini di classifica, a cominciare da Primoz Roglic (Jumbo-Visma), con un distacco di 43” dalla maglia rosa, e l’attuale detentore del primato Remco Evenepoel (Soudal Quick-Step).

    12:43
  28. Oggi si corre la terza tappa del Giro d’Italia numero 106, la Vasto – Menfi di 213 km.  Dopo la crono inaugurale conquistata da Evenepoel e la tappa per velocisti vinta da Milan, arrivano le prime insidie di questo Giro d’Italia. Nulla di particolarmente difficile, ma i due GPM di giornata e l’arrivo in leggera salita potrebbero essere l’occasione per qualche azione da lontano da parte di corridori completi. Difficile, invece, pensare a una volata di gruppo.

Giro: a Melfi il re è Matthews. Evenepoel sempre in rosa Fonte: Gettyimages
Caricamento contenuti...