,,
Virgilio Sport SPORT

Ecco cosa farà Andrea Agnelli dopo il flop della Super Lega

Sono ore convulse per la Juventus dopo il fallimento del nuovo progetto continentale, e le indiscrezioni su quello che farà il presidente bianconero fioccano. Ma un'ipotesi prevale sulle altre.

Il fallimento della Superlega è stato un colpo durissimo soprattutto per due uomini: il presidente del Real Madrid Florentino Perez e quello della Juventus Andrea Agnelli, che sono stati i principali promotori del progetto. Ma i due non hanno alcuna intenzione di dimettersi, anzi, Perez addirittura pensa che ci siano ancora quattro squadre, comprese Milan e Juve, coinvolte nell’iniziativa. Per quanto riguarda Agnelli, ieri Tuttosport, quotidiano sempre molto vicino ai bianconeri e al Torino, diceva che il rampollo della famiglia storica proprietaria del club non pensa minimamente alle dimissioni, e del resto lo ha ribadito lui stesso.

E oggi il Corriere dello Sport ribadisce questa tesi, sottolineando che Agnelli è tornato a concentrarsi sugli impegni immediati, che riguardano la vittoria in Coppa Italia ma soprattutto la top 4 in campionato per accedere alla prossima Champions League. Entrambi sono traguardi fondamentali per evitare conseguenze economiche devastanti per il club, che ieri in Borsa ha perso in un solo giorno il 13%. Non solo: i rapporti con Fifa e Uefa, ma anche con la Lega Calcio, hanno raggiunto i minimi storici.

Nei due giorni passati sono circolate le voci più disparate sulle dimissioni di Agnelli, smentite sia dal club sia dall’azionista di maggioranza Exor, inoltre si parlava, come suo possibile successore, di Alessandro Nasi, cugino dello stesso Andrea e di John Elkann. Ma proprio il rapporto tra Agnelli ed Elkann, come riferiva Tuttosport, è solidissimo e anche sul progetto Superlega tra i due c’era ampia sintonia, per cui pare evidente che un eventuale abbandono della nave che è in difficoltà in alto mare, da parte di Agnelli, non sembra realistico. Ma se proprio si realizzasse l’ipotesi di Nasi presidente, secondo il Corriere della Sera potrebbe addirittura tornare a Torino Beppe Marotta, tuttora in ottimi rapporti con Elkann.

E’ chiaro però che, oltre agli obiettivi sportivi, la Juventus ha quello prioritario di sistemare il bilancio. La Superlega sarebbe stata fondamentale da questo punto di vista, ma ora si dovranno imboccare altre direzioni. Ci sono, infatti, secondo il Corsport, indiscrezioni sul “possibile ingresso di un fondo di private equity come nuovo socio di minoranza, con Exor che manterrebbe sempre il controllo ma potrebbe cedere a un investitore internazionale una quota che, si sussurra in ambienti finanziari, potrebbe aggirarsi attorno al 10-20%, in modo da ottenere un apporto finanziario che possa garantire liquidità e ossigeno al bilancio”. Saranno insomma mesi cruciali per il futuro del club più vincente del campionato italiano.

OMNISPORT | 22-04-2021 11:15

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...