Virgilio Sport

Europei Roma, Larissa Iapichino in finale al primo salto: vola la 4x100 senza Jacobs e Tortu, ma con Melluzzo

Missione compiuta per la campionessa azzurra, vola l'Italia bis nella semifinale della 4x100. Delusione per le ragazze dello sprint, stasera attesa per Tamberi e Mattarella.

Pubblicato:

Rino Dazzo

Rino Dazzo

Giornalista

Se mai ci fosse modo di traslare il glossario del calcio in una nicchia di esperti, lui ne farebbe parte. Non si perde una svista arbitrale né gli umori social del mondo delle curve

Missione compiuta al primo tentativo. Larissa Iapichino non ha impiegato troppo tempo a sbrigare la pratica qualificazione alla finale di salto in lungo degli Europei romani. Un solo salto basta e avanza a guadagnare il pass per la finalissima in programma mercoledì sera, nell’atto conclusivo per la kermesse. Bene anche la staffetta 4×100 dell’Italia, priva delle star Marcell Jacobs e Filippo Tortu, ma con un Matteo Melluzzo in gran spolvero.

Salto in lungo: Iapichino in finale, impressiona Makambo

Sei metri e 70 era la misura da centrare per la qualificazione e Larissa è stata chirurgica: per lei appena un centimetro più del minimo, sei e 71. Settima misura tra quelle che hanno ottenuto la qualificazione, per quel che può contare. Misura fatta registrare nonostante 0,8 metri al secondo di tempo contrario. La primatista italiana, figlia di Gianni Iapichino e Fiona May, ha dato l’impressione di aver controllato sforzi ed energie. In stagione ha già saltato sei metri e 86, forse dovrà superarsi per provare a strappare l’oro alla grande favorita: la tedesca Malaika Mihambo, olimpionica a Tokyo, che ha saltato sette metri e 3 nonostante un vento contrario di un metro e tre al secondo.

L’Italia in finale nella 4×100 con le seconde linee

Non c’erano Marcell Jacobs e Filippo Tortu, ma l’Italia è approdata in scioltezza alla finale della staffetta 4×100 con le seconde linee (si fa per dire): Roberto Rigali, Matteo Melluzzo, Lorenzo Patta e Lorenzo Simonelli hanno fatto registrare il secondo tempo nella loro batteria (38”40), secondi solo all’Olanda. Clamorosa l’eliminazione della Gran Bretagna, nell’altra batteria: era considerata la rivale più accreditata degli Azzurri nella finale. In cui ci saranno, ovviamente, i big più attesi.

Delusione per la 4×100 femminile: ko Kaddari e Dosso. Avanza la 4×400

Pass per la finale staccato anche dalla 4×400: Brayan Lopez, Vladimir Aceti, Riccardo Meli ed Edoardo Scotti hanno ottenuto il secondo posto in semifinale in 3’02”01 e andranno a caccia di una medaglia nella finalissima. Niente da fare invece per una staffetta 4×100 femminile falcidiata dagli infortuni. Zaynab Dosso fuori causa dalla semifinale, dove la seconda frazionista – Dalia Kaddari – ha accusato un problema muscolare prima di passare il testimone ad Anna Bongiorni. Le due, insieme a Irene Siragusa e Arianna De Masi, hanno chiuso comunque con un eccezionale tempo di 43”27, il primo dei non ammessi.

In serata attesa per Tamberi sotto gli occhi di Mattarella

In serata, intanto, grande attesa per la finale del salto in alto con Gimbo Tamberi atteso all’ennesimo exploit di una carriera da leggenda. Il marchigiano, campione di tutto in carica (olimpico, mondiale ed europeo), è il grande favorito e in tribuna potrà contare su un tifoso in più. Il primo tifoso, per la precisione: il Presidente Sergio Mattarella, che assisterà dalla tribuna autorità dell’Olimpico all’intero programma serale. In calendario anche le finali del triplo, dei 400 ostacoli maschili e femminili, dei 10mila e del giavellotto femminile, del decathlon e dei 200 metri femminili.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...