Virgilio Sport

Atletica, Larissa Iapichino vince a Belgrado con 6.68. Potrebbe saltare gli Assoluti per puntare ai Mondiali

L'azzurra è pronta per gareggiare al 'Franchi' dopo il 6.83 di Atene: "Firenze le dà carica, vale le atlete migliori".

Pubblicato:

Roberto Barbacci

Roberto Barbacci

Giornalista

Giornalista (pubblicista) sportivo a tutto campo, è il tuttologo di Virgilio Sport. Provate a chiedergli di boxe, di scherma, di volley o di curling: ve ne farà innamorare

Larissa Iapichino c’ha preso gusto: a Belgrado, nella tappa del World Tour, la giovane toscana non ha fatto prigionieri, conquistando la vittoria grazie alla misura di 6.68 fatta registrare già al primo salto. Un successo mai stato veramente in discussione, poiché le più immediate inseguitrici si sono fermate a debita distanza dalla ragazza nata a Firenze, che ancora una volta ha dimostrato di avere il pedigree per poter stare al passo con le più forti della specialità.

La corsa alla miglior prestazione stagionale

La figlia di Gianni Iapichino e Fiona May aveva già saltato nel corso della stagione indoor a Sabadell, ottenendo come miglior misura 6.62, che gli bastò per conquistare la vittoria di giornata. A Belgrado s’è migliorata di 6 centimetri ed è andata davvero di corsa, avendo saltato la misura al primo dei 6 tentativi di giornata. Nei successivi 5, in tre casi è arrivato un nullo, mentre nei restanti due tentativi Larissa ha fatto registrare 6.59 e 6.49.

Il percorso di crescita stagionale però è proseguito senza particolari intoppi, con la giovane Iapichino che s’è portata a 16 centimetri dal 6.86 saltato da Tara Davis, primato dell’attuale stagione invernale. Davis sarà la saltatrice da battere nei mondiali di Glasgow in programma nel primo week-end di Glasgow, ma non mancherà la concorrenza: la giamaicana Ackelia Smith (6.85), la nigeriana Ese Brume (6.84) e la tedesca Laura Raquel Muller (6,81) non resteranno certo a guardare. Ma la 21enne azzurra cercherà in tutti i modi di venir via con una medaglia in tasca.

Il dubbio Assoluti: Larissa potrebbe andare direttamente a Berlino

Alle spalle di Larissa sono finite la serba Milica Gardasevic (6.53), l’ungherese Diana Lesti (6.50) e la bulgara Flamena Mitjova (6.48), quest’ultima campionessa mondiale Under 20 in carica. Male è andata la brasiliana Leticia Oro Melo, bronzo mondiale nel 2022, che non s’è spinta oltre i 6.31.

Una bella soddisfazione per Iapichino, che nelle prossime ore dovrà decidere se prendere parte agli Assoluti di Ancona (in programma nel fine settimana) o se dare direttamente appuntamento alle rivali nella tappa World Tour di Berlino del prossimo 23 febbraio. Una scelta non facile, pensando all’atmosfera sempre particolarmente affascinante che si respira nel campionato italiano, ma che dovrà essere effettuata anche pensando al proseguo della stagione indoor, con Glasgow che rappresenta la stella polare dell’inverno della toscana.

All’Istaf Indoor di Berlino, l’auspicio di papà Gianni (suo allenatore) sarà quello di riuscire ad avvicinare il 6.97 fatto registrare lo scorso anno agli Europei indoor di Istanbul dell’anno passato, miglior prestazione italiana di sempre al chiuso. Intanto però da Belgrado sono arrivati segnali importanti, a riprova di una condizione che continua a migliorare giorno dopo giorno.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...