Virgilio Sport

F1, Ferrari dietro l’AlphaTauri: la delusione di Leclerc e Sainz

Charles Leclerc (5°) e Carlos Sainz (6°) finiscono il GP del Messico dietro l'AlphaTauri di Pierre Gasly. Delusione per le Rosse, che però passano McLaren nei Costruttori.

Pubblicato:

Gara senza infamia e senza lode per le Ferrari di Charles Leclerc e Carlos Sainz, finiti rispettivamente in 5° e in 6° posizione nel GP del Messico, 18° appuntamento del Mondiale F1. Ragionandoci ora, si nota come i problemi del Cavallino Rampante siano da ricondurre ad una strategia non perfetta. Puntare su un Leclerc più lento per quasi tutto il weekend ha penalizzato lo spagnolo Sainz, più a suo agio con le gomme e che in gara ne aveva decisamente di più. Frenate un po’ da Leclerc, le due Ferrari si sono fatte scappare un indemoniato Pierre Gasly, quarto al traguardo su un’AlphaTauri. Proprio il fatto di essere finiti dietro ad una vettura molto inferiore è la vera pecca di questa giornata, in un tracciato, quella intitolato ai fratelli Rodriguez, che sulla carta doveva essere favorevole alla SF21.

F1, Ferrari: Lerclerc sorpreso dalla velocità di Pierre Gasly

Il monegasco, riottenuta la posizione su Sainz nel finale, ha lamentato evidenti problemi con le gomme hard, ma soprattutto si è detto davvero stupito dalla velocità del francese, capace di mettere dietro non una ma entrambe le monoposto italiane:

“Quando ho montato la gomma dura ho faticato per i primi 20 giri. Si è manifestato un graining nella anteriore sinistra mai visto in precedenza […] Carlos ha avuto meno problemi ed abbiamo fatto il primo cambio di posizione per tentare di raggiungere Pierre. Purtroppo non ci siamo riusciti ed abbiamo deciso di cambiare nuovamente le posizioni. La sorpresa di questo weekend è stata Gasly, è stato molto forte anche in gara […] Con le medie andavamo forte, mentre con le hard abbiamo faticato e dobbiamo capire perché”.

F1, Ferrari: Sainz ne aveva di più del compagno di box

Carlos Sainz, come detto, ne aveva di più del compagno di box, e la scelta di mantenerlo davanti nel primo stint di gomme ha sicuramente penalizzato molti gli uomini in rosso. Sainz però, proprio come Leclerc, sottolinea la grande velocità di Gasly, nonostante ammetta che, a parar suo, ne aveva di più rispetto al francese:

“Ci aspettavamo di essere davanti all’AlphaTauri ma sono stati veloci da venerdì e hanno fatto meglio di noi. Alla fine come passo eravamo praticamente pari. Forse oggi un po’ meglio noi, stavo recuperando tanto su Gasly prima di lasciar passare Charles. Ma questo è un circuito in cui se parti davanti, non è così facile per noi superare. Oggi andavo molto veloce, ma il weekend non è stato positivo”.

F1, Ferrari: cosa resta da salvare nel weekend messicano

Rimane tanto, soprattutto a livello di classifica ma non solo. Da quando è stata implementata la nuova power unit, infatti, le Rosse sembrano andare molto di più e con molti meno problemi. Questo non può che far piacere in ottica 2022, quando i regolamenti cambieranno e tutti si aspettano una Ferrari competitiva finalmente per il Mondiale.

Concentrandoci sul campionato in corso, che vedrà il prossimo atto sulla pista brasiliana di Interlagos, da sottolineare come con questa gara la Ferrari abbia finalmente scavalcato la McLaren nella classifica costruttori. Ora la scuderia di Maranello si trova al terzo posto dietro a Red Bull e Mercedes, e cioè il vero obiettivo dall’inizio della stagione.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...