Virgilio Sport

F1, Horner ha già parlato con Alonso e mette in minoranza il clan Marko-Verstappen: il retroscena

Continua la faida all'interno della Red Bull, anche Ralf Schumacher conferma che lo spagnolo potrebbe affiancare o prendere il posto dell'olandese

Pubblicato:

Fabrizio Piccolo

Fabrizio Piccolo

Giornalista

Nella sua carriera ha seguito numerose manifestazioni sportive e collaborato con agenzie e testate. Esperienza, competenza, conoscenza e memoria storica. Si occupa prevalentemente di calcio

Ogni giorno che passa, e salvo imprevisti imprevisti di carattere “legale”, Christian Horner sembra sempre più vicino a la sanguinosa battaglia all’interno del team Red Bull contro la fazione austriaca di Marko-Verstappen. E coincide anche con il segnale d’inizio perché l’interesse crescente nei confronti di Alonso venga ascoltato, e anche ascoltato bene. Lo scrive il quotidiano olandese che rivela amche la testimonianza di Ralf Schumacher.

Horner e Alonso avrebbero già parlato

Lo spagnolo è il candidato preferito dell’attuale ‘capo unico’, che gode del sostegno incondizionato dell’azionariato di maggioranza tailandese e lo sa anche Verstappen. I media olandesi, in collegamento diretto con i Verstappen, assicurano che Fernando e Christian Horner hanno avuto “una conversazione seria senza che Marko fosse coinvolto”.

Lo dice anche Ralf Schumacher. “Horner è sempre stato un suo grande estimatore. Sembra che abbia serie intenzioni di ingaggiare Alonso per il prossimo anno, per avere un altro pilota forte se Verstappen lascia la squadra. Ci sono queste voci e le fonti sono piuttosto attendibili. Se la Red Bull gli desse una macchina con la quale potesse vincere… certo che Alonso lo vorrebbe! E abbiamo già visto cosa ha fatto questo fine settimana, quanto era veloce, come ha cambiato marcia, come ha impedito a Russell di superarlo… sa quello che vuole e penso che sarebbe una buona scelta.”

La contromossa di Verstappen

Tutto proprio quando Raymond Vermeulen, il manager di Max Verstappen, ha cenato in Australia con l’azionista di maggioranza tailandese dell’azienda, Chalerm Yoovidhya, per insistere a voce alta sul fatto che l’olandese se ne sarebbe andato se Christian Horner avesse continuato su questa strada. Ma a quanto pare la mossa è fallita perché continuano a fidarsi di Horner.

Il ricatto di Horner a Verstappen

Horner è quindi pronto a giocarsi una carta vincente, quella di Fernando Alonso, suo amico ed estimatore di Newey, una win-win con cui dimostrare al clan Verstappen che lui ha già di fatto, o potrebbe avere il comando totale, mano libera per firmare senza consultare e che, se Verstappen non vuole continuare, ha comunque un campione che sembra correre ancora a 20 anni anziché a 40. E che si ritroverebbe all’improvviso con una macchina vincente nel 2025 per cercare di conquistare il suo terzo mondiale.

Horner aveva provato a ingaggiare lo spagnolo seriamente in diverse occasioni, e anche prima che Fernando passasse alla Ferrari nel 2010, quando la Red Bull non era ancora il superteam che è adesso. Lo ha sempre considerato un genio assoluto e chissà che non possa davvero coronare il suo sogno.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...