Virgilio Sport

Ferrari, Mick Schumacher si sente pronto per la Formula 1

Il Figlio del leggendario Michael ha compiuto ben 100 giri sul circuito di Fiorano, dimostrando di essere già molto veloce ancora prima di scendere in pista ufficialmente in Formula 1.

Pubblicato:

Mick Schumacher, Campione del Mondo di Formula 2 e neo pilota della Haas, scuderia nell’orbita Ferrari, ha totalizzato oltre 100 giri nel corso di due mezze giornate (ieri pomeriggio e questa mattina) sul circuito di Fiorano. Al volante della Ferrari SF71H, in verità non è stato troppo distante dai titolari Charles Leclerc e Carlos Sainz

Subito dopo aver completato i test, la Ferrari ha ribattuto un’intervista rilasciata da Schumacher per il volume Racing Activities del Cavallino, nella quale il figlioo d’arte ripercorre il suo 2020 (un anno di gioie e dolori come un po’ per tutti) per poi fare un paio di considerazioni sul suo futuro in Haas ed, eventualmente, in Ferrari.

Inizia con un riassunto del 2020, anno segnato dalla Pandemia anche nel mondo delle corse:

“La gente che lavora nelle corse tende a vivere nel futuro e a non guardare mai indietro: lo stesso vale per me. È un fatto di mentalità, perché in un ambiente così competitivo si cerca sempre di pensare a cosa si può ottenere in più e a come fare meglio. Forse però in questo caso si può fare un’eccezione e non soltanto per ragioni personali. La pandemia ha toccato profondamente la vita di ognuno di noi e ha creato a tante persone dei problemi molto seri. Per questo qualche volta mi sembra quasi ingiusto essere felice per quello che il 2020 mi ha dato perché, ad essere onesti, è stato il miglior anno nella mia vita sportiva, quello in cui il sogno che avevo sin da bambino è diventato realtà. Ora posso dire di essere pronto per la Formula 1“.

Proprio della Pandemia ha parlato poi, e in special modo di quel momento in cui si è temuto di non poter correre:

“All’inizio della pandemia, quando in tanti Paesi c’era un lockdown quasi totale, lo sport non era, giustamente, una priorità. Temevo che la mia seconda stagione in Formula 2 sarebbe stata rinviata di un anno e, con essa, il mio sogno di arrivare in Formula 1. Poi abbiamo iniziato a gareggiare in Austria, anche se il via del campionato è stato terribile per me: ho fatto due volte lo stesso errore, con il risultato di raccogliere pochissimi punti nelle prime due tappe”.

A Mick Schumacher viene chiesto se c’è stato un momento decisivo nella sua stagione, durante il quale ha veramente capito di poter vincere:

“Non ce n’è stato nessuno in particolare. La realtà è che dopo quel brutto inizio non ci siamo persi d’animo perché sapevamo di aver lavorato bene con Prema, la mia squadra: non abbiamo mai perso la fiducia di poter vincere e così è stato. Siamo rimasti concentrati e uniti, lavorando duramente per recuperare, passo dopo passo. Impegno, fiducia in noi stessi, lavoro di squadra e divertimento: questi gli elementi che ci hanno permesso di risalire la classifica e, alla fine, di vincere il titolo, grazie soprattutto alla costanza di risultati”.

Ovviamente la domanda successiva è sul suo futuro in Haas come pilota ufficiale:

“È stato importante vedere che l’approccio e i risultati che abbiamo avuto siano stati così ricompensati e posso soltanto ringraziare la Ferrari Driver Academy per avermi dimostrato fiducia, tanto da prendere questa decisione prima ancora che si arrivasse alle fasi decisive del campionato. Per me è stato importante poter avere il supporto della FDA, poter guidare delle vetture di Formula 1, parlare con persone di grandissima esperienza o, semplicemente, sentirmi come in una famiglia”.

Una scelta, quella della Haas, arrivata ancora prima della conquista del titolo di Campione del Mondo di F2:

“Anche se sapevo che avrei corso in Formula 1, volevo assolutamente conquistare il titolo: è normale, no? Se corri, vuoi vincere. Non ho mai perso la fiducia di poterci riuscire. Anche se le ultime gare non sono andate come avremmo voluto, desideravo con tutte le mie forze essere campione: per me e per la squadra. Quando ho tagliato il traguardo dell’ultima gara, in tutta sincerità non ero del tutto certo che ce l’avevamo fatta e una parte di me non osava festeggiare: probabilmente sono stati i momenti più intensi della mia carriera, tanto che, quando sono arrivato al parco chiuso e ho visto la mia squadra gioire, ho avuto bisogno di qualche momento per realizzare cosa fosse successo”.

Uno sguardo finale poi va alla nuova stagione 2021, l’ultima prima del grande cambio di regolamento tecnico: 

“Sembra passato già tanto tempo da quel giorno, soprattutto perché non vedo l’ora che inizi la nuova stagione, di essere sulla griglia di partenza della mia prima gara insieme ai migliori piloti del mondo. Fino ad allora cercherò di godermi ogni istante e di dare il massimo per arrivare preparato a quel momento: poi, quando i semafori si accederanno, sarà un momento molto emozionante”.

Ferrari, Mick Schumacher si sente pronto per la Formula 1 Fonte: Getty Images

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...