Virgilio Sport

Giro d’Italia, a Stradella la spunta Alberto Bettiol

Il toscano della EF Education-Nippo si è imposto in solitaria sul traguardo della diciottesima tappa distanziando i compagni d’avventura nella fuga di giornata.

Pubblicato:

Messo alle spalle l’impegnativo arrivo in quota di Sega di Ala e alla vigilia della doppietta di tappe alpine che definirà la classifica generale, il Giro d’Italia affronta la più classica delle tappe di trasferimento, una frazione ideale per un fuga da lontano.

Da Rovereto, sede di partenza della diciottesima tappa (la più lunga della Corsa Rosa 2021), il tracciato si snoda tra i territori pianeggianti delle province di Trento, Verona, Brescia, Mantova, Cremona e Piacenza prima di affrontare le alture dell’Oltrepò Pavese e terminare, dopo 231 chilometri, a Stradella.

L’avvio è velocissimo e, come previsto, incoraggia gli attaccanti a lanciarsi fin da subito in tentativi di fuga. Quello buono si sgancia dopo una quarantina di chilometri dal via e comprende ben 23 corridori: Andrea Vendrame (AG2R Citroën), Simon Pellaud, Andrii Ponomar, Natnael Tesfatsion (Androni-Sidermec), Samuele Battistella, Gorka Izagirre (Astana-PremierTech), Filippo Zana (Bardiani-CSF-Faizanè), Simone Consonni (Cofidis), Rémi Cavagna (Deceuninck-QuickStep), Alberto Bettiol (EF Education-Nippo), Francesco Gavazzi, Samuele Rivi (EOLO-Kometa), Wesley Kreder (Intermarché-Wanty-Gobert), Patrick Bevin (Israel Start-Up Nation), Stefano Oldani (Lotto Soudal), Dario Cataldo (Movistar), Nikias Arndt, Nico Denz, Nicolas Roche (Team DSM), Jacopo Mosca (Trek-Segafredo), Alessandro Covi, Diego Ulissi (UAE Team Emirates).

In breve, il folto drappello, grazie al beneplacito del gruppo, raggiunge un vantaggio superiori ai quindici minuti, un margine questo che consente agli attaccanti di procedere di comune accordo e in tutta tranquillità fino agli ultimi ondulati e decisivi 35 chilometri.

Qui infatti, lungo gli strappi di Castana, Cigognola e Canneto Pavese, la corsa si anima e vede i fuggitivi cimentarsi in una serie infinita di scatti e controscatti per scremare i rivali e portar via l’azione buona. A una ventina di chilometri dal traguardo, è Remi Cavagna ad allungare da solo: il francese della Deceuninck-Quick-Step, sfruttando le sue abilità da cronoman, sorprende gli avversari e in breve guadagna più di trenta secondi sugli inseguitori.

Alle sue spalle, gli unici che riescono ad avvicinarlo sono Roche e soprattutto Alberto Bettiol. Il toscano, supportato una condizione superlativa, dopo un lungo inseguimento riesce prima ad agganciare il francese e poi a distanziarlo nettamente involandosi brillantemente in solitaria verso la vittoria, la sua terza da professionista (Giro delle Fiandre 2019 e crono di Ales all’Etoile de Besseges 2020 quelle precedenti) in carriera, la prima al Giro quest’anno per la sua EF Education-Nippo.

Dietro l’estasiato nativo di Poggibonsi, concludono Simone Consonni (ancora piazzato dopo il 4° posto di Gorizia) e Roche, primi di un gruppetto con all’interno fra gli altri Diego Ulissi (5°), Samuele Battistella (6°) e Filippo Zana (7°).

In gruppo, invece, nessun problema per la maglia rosa Egan Bernal che, protetto dai suoi compagni, arriva senza patemi a oltre venti minuti ricaricando quindi le batterie per le ultime decisive tappe dell’Alpe di Mera (senza il Mottarone) e dell’Alpe Motta. In classifica generale dunque nessun cambiamento eccezion fatta per la decima posizione, ora occupata da Daniel Martin dopo il ritiro in mattinata di Giulio Ciccone causata dai problemi alla schiena.

ORDINE D’ARRIVO

1 Alberto Bettiol – EF Education – Nippo
2 Simone Consonni – Cofidis, Solutions Crédits
3 Nicolas Roche – Team DSM
4 Nikias Arndt – Team DSM
5 Diego Ulissi – UAE-Team Emirates
6 Samuele Battistella – Astana – Premier Tech
7 Filippo Zana – Bardiani-CSF-Faizanè
8 Natnael Tesfatsion – Androni Giocattoli – Sidermec
9 Rémi Cavagna – Deceuninck – Quick Step
10 Jacopo Mosca – Trek – Segafredo

CLASSIFICA GENERALE

1 Egan Bernal – INEOS Grenadiers
2 Damiano Caruso – Bahrain – Victorious 2:21
3 Simon Yates – Team BikeExchange 3:23
4 Aleksandr Vlasov – Astana – Premier Tech 6:03
5 Hugh Carthy – EF Education – Nippo 6:09
6 Romain Bardet – Team DSM 6:31
7 Daniel Felipe Martinez – INEOS Grenadiers 7:17
8 João Almeida – Deceuninck – Quick Step 8:45
9 Tobias Foss – Team Jumbo-Visma 9:18
10 Dan Martin – Israel Start-Up Nation 13:37

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...