Virgilio Sport

Il ritorno di Totti alla Roma, la frase di Di Francesco dopo Frosinone-Sassuolo

L'ex capitano della Roma era presente allo stadio Stirpe domenica insieme al figlio Cristian, che gioca nella Primavera del Frosinone: immediate le domande che lo riguardano

Pubblicato:

Elisabetta D'Onofrio

Elisabetta D'Onofrio

Giornalista e content creator

Giornalista professionista dal 2007, scrive per curiosità personale e necessità: soprattutto di calcio, di sport e dei suoi protagonisti, concedendosi innocenti evasioni nell'ambito della creazione di format. Un tempo ala destra, oggi si sente a suo agio nel ruolo di libero. Cura una classifica riservata dei migliori 5 calciatori di sempre.

Sull’onda emotiva di quel che sta accadendo attorno a chi, come lui, ha segnato un’era calcistica per talento ed estro l’avvento di quell’ipotesi di rientro nella Roma di José Mourinho è parsa una nemesi, una storia di resilienza e di caparbietà.

Francesco Totti è uno, unico e inevitabilmente legato a quei colori che non ha mai tradito guadagnandosi le rime di Fabri Fibra, l’elogio spesso ridondante di quanti lo citano come esempio (ormai unico) di giocatore e bandiera. Non poteva lasciare indifferente la sua presenza, domenica, allo stadio Stirpe con suo figlio Cristian, che gioca nella Primavera del Frosinone e che sta cercando la sua strada.

Totti allo stadio Stirpe per Frosinone-Sassuolo

Totti è stato sempre molto presente per Cristian e le sue sorelle: lo ha accompagnato agli allenamenti, ha cercato di incanalare la sua passione nel modo che – a suo dire – che avevano avuto con lui bambino anche i suoi genitori, Enzo e Fiorella.

Allo stadio, l’ex capitano era presente per assistere alla sfida del Frosinone contro il Sassuolo, un avvenimento che dopo le dichiarazioni rilasciate in merito al possibile e auspicato rientro nella società che lo ha eletto a simbolo in u passato che pareva remoto, ha una valenza che trascende la partita.

Fonte: ANSA

Francesco Totti con suo figlio Cristian allo Stirpe

Le parole di Di Francesco sul ritorno alla Roma

Allo Stirpe, il per sempre capitano della Roma ha rivisto la squadra del caro amico ed ex compagno di squadra Eusebio Di Francesco che oggi occupa la panchina da allenatore: si erano intrattenuti già in precedenza, nel corso della visita al centro sportivo di Ferentino.

“Non abbiamo parlato del suo ritorno a Roma, abbiamo parlato di tutto il resto: famiglia, amici e padel. Visto che Cristian sta giocando qui magari ci rivedremo più avanti ma come amici. Abbiamo parlato dei calciatori che gli piacciano, ma non dico chi sono per rispetto. Il consiglio di chi ha un occhio come il suo è importante per me“, ha ammesso Di Francesco senza addentrarsi su quel che potrebbe verificarsi a stretto giro.

Una risposta diplomatica, ma che sottolinea quelle qualità che rendono l’ex capitano una figura di supporto, una sorta di collante tra il ruolo dirigenziale, lo spogliatoio e le istituzioni calcistiche utile alla Roma. E che gli consentirebbe, così fosse, di entrare in modo discreto nel club.

L’era Pallotta, d’altronde, è ormai cancellata e con la nuova proprietà le ipotesi di un possibile e inedito rapporto professionale si erano già paventate quando la bolla della separazione era ancora lontana. Nel frattempo si è consumata una dolorosa esperienza privata, con inevitabili ripercussioni anche sulla vita pubblica, che ha probabilmente rallentato e frenato, sena però interrompere quel flusso assoluto, mai interrotto tra Totti e i tifosi.

Sono i romanisti e i suoi estimatori (innumerevoli e non necessariamente sovrapponibili ai primi) che non hanno mai smesso di ritenere praticabile questa via, malgrado lo strappo fosse stato palese. E lo stesso giocatore ne avesse parlato nella famigerata conferenza stampa che svelò i contorni di quel distacco.

Il rientro a Trigoria

Il ritorno di Totti alla Roma sarebbe un’operazione sostenuta e condivisa da Mourinho, che avrebbe indicato nell’ex numero 10 un possibile mediatore, un valido interlocutore che abbia in sé le qualità del giocatore e del dirigente. Una figura di mezzo, che abbini qualità professionali a doti quali conoscenza dell’ambiente e del sistema calcio.

Così si diceva e si leggeva quando esplose la notizia. Sulla trattativa eventuale c’è riserbo, cautela anche perché Totti sta per affrontare una nuova udienza nella causa di separazione dall’ex moglie, Ilary Blasi.

I tempi giusti per un nuovo incarico

La smaccata attenzione dei Friedkin per la privacy e il basso profilo, dimostrato anche in precedenza, indurrebbe a ritenere d’altronde questa fase quella meno consona alla chiusura di un accordo del quale si vocifera e conseguente annuncio del rientro di Totti a Trigoria.

Se verrà ufficializzato questo nuovo inizio (sottolineare il “se”, in questa specifica circostanza, è un atto dovuto), perché così sarà con una nuova proprietà, la comunicazione potrebbe consumarsi quando i riflettori, sulle vicende legate alla separazione, saranno spenti.

Il ritorno di Totti alla Roma, la frase di Di Francesco dopo Frosinone-Sassuolo Fonte: ANSA

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...