,,
Virgilio Sport SPORT

Inter, Antonio Conte gonfia il petto e si gode due giocatori rinati

"E' la spallata decisiva? Temo le prossime partite", le parole del tecnico nerazzurro.

Antonio Conte su di giri dopo il trionfo nel derby di Milano che proietta l’Inter a +4 in classifica sul Milan. Un 3-0 senza discussioni: “Complimenti ai miei calciatori, protagonisti di una grande prestazione. L’hanno preparata bene, i complimenti sono per loro”, ha detto a Dazn.

“La vittoria più bella? Mi auguro che la vittoria più bella debba sempre arrivare. Bellissima partita, non dimentichiamo che era un derby e quindi c’era il campanilismo poi era derby d’alta classifica, quindi dava maggiori responsabilità. Stiamo proseguendo in questo percorso di crescita, sono contento perché l’abbiamo preparata bene e sono accadute situazioni che ci aspettavamo. Siamo stati bravi a sfruttarle contro una squadra molto forte. La partita la dedichiamo ai nostri tifosi, l’accoglienza è stata da brividi e ci ha responsabilizzato. Mettendoci anche pressione, che però abbiamo trasformato in pressione positiva”.

L’Inter potrebbe aver dato una spallata decisiva al Milan: “Non lo so, a  livello psicologico io temo tanto le prossime due gare, contro Genoa e Parma, perché sono ostiche e dovremo dimostrare di aver fatto lo step necessario per rimanere in vetta fino alla fine. Ci diranno tanto su cosa vogliamo fare da grandi”.

Christian Eriksen e Ivan Perisic: due giocatori rinati e oggi decisivi: “Io penso che il compito di un allenatore sia quello di portare tutta la rosa a disposizione a migliorare ed entrare dentro la mia idea. Noi siamo una squadra, abbiamo un’idea ben precisa in fase di possesso e non possesso. La crescita di Christian e di Ivan, ma di tutti i calciatori, mi rende orgoglioso. A volte si esprimono giudizi affrettati: Barella all’Inter ha avuto una crescita esponenziale attecchendo subito, ma altri giocatori hanno bisogno di più tempo arrivando da campionati esteri”. 

“Eriksen si è avvicinato a noi, e io non ho preclusioni verso nessuno. Anche Perisic l’anno scorso non aveva voglia di dare questa abnegazione come quinto, se pensa di non essere sfruttato a dovere che si può fare… Quest’anno si è messo a disposizione e oggi ha fatto una partita bella sotto ogni punto di vista. Ha potenzialità incredibili, deve credere più in se stesso. Ma sono contento perché sono tutti dentro il progetto”.

L’Inter è maturata: “Abbiamo preso consapevolezza quando abbiamo iniziato a battere le più forti negli scontri diretti, lì cresce l’autostima e la consapevolezza nei propri mezzi. Questa vittoria ha dato conferma della nostra crescita importante, dobbiamo continuare sotto questo punto di vista. Poi i risultati aiutano, il lavoro c’è poi se arrivano i risultati è meglio per me per inculcare certe situazioni”.

OMNISPORT | 21-02-2021 18:19

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...