Virgilio Sport

Inter, il mercato frena: brutte nuove da Manchester e Barcellona

Lo United fa concorrenza ai nerazzurri per Eriksen e potrebbe decidere di bloccare la cessione a gennaio di Young.

08-01-2020 19:07

Inter, il mercato frena: brutte nuove da Manchester e Barcellona Fonte: 123RF

La vittoria di Napoli ha dato ulteriore sostanza alle ambizioni dell’Inter, che a una giornata dalla fine del girone d’andata appaia la Juventus in testa alla classifica. Un risultato inatteso anche considerando i tanti infortuni che la rosa nerazzurra ha dovuto sopportare nella prima parte di stagione e l’esiguità delle alternative a disposizione di Antonio Conte.

In questo senso il mercato di gennaio dovrebbe portare almeno due-tre elementi nuovi, ma le trattative per gli obiettivi prefissati sono tutt’altro che in discesa.

Cattive notizie arrivano infatti tanto da Barcellona, quanto da da Manchester, sponda United.

In Catalogna, secondo quanto riportato dall’emittente RAC1, sarebbe in atto un vero e proprio pressing da parte dei giocatori blaugrana, Messi in testa, per convincere Arturo Vidal a restare almeno fino alla fine della stagione e aiutare il gruppo ad inseguire l’obiettivo Triplete. Un pressing che sembra poter convincere il cileno, che si aspetta una mossa da parte dell’Inter, ferma all’offerta di 12 milioni

Quanto al Man Utd, il club che ha ceduto ai nerazzurri Romelu Lukaku e Alexis Sanchez sembra essere diventato un inatteso rivale dell’Inter nella sessione invernale di trasferimenti.

Il primo nome conteso è quello di Christian Eriksen. A dispetto delle parole del dg dell’Inter Beppe Marotta prima della gara di Napoli i milanesi sono eccome sul pezzo per quanto riguarda il centrocampista danese, al quale è stato offerto un quinquennale da 10 milioni di euro netti a stagione, ma a partire dalla prossima estate, dopo che il giocatore si sarà liberato a costo zero dal Tottenham.

Diversi club sono però pronti ad anticipare l’Inter pagando un indennizzo agli Spurs pur di avere subito a disposizione Eriksen e tra questi c’è proprio il Manchester United che ha formulato ai londinesi  un’offerta da 23,5 milioni, già accettata dal Tottenham, ma rifiutata da Eriksen che vuole essere padrone del proprio cartellino a giugno dopo lo svincolo.

Le prossime settimane saranno decisive: qualora il rischio di perdere Eriksen diventasse concreto l’Inter potrebbe anche sborsare subito 20 milioni, a patto però di sbloccare il mercato in uscita. Sul fronte del giocatore, la proposta d’ingaggio da 12 milioni netti sembra in grado di fare breccia, ma la concorrenza di altre società spaventa, dal Bayern Monaco al Real Madrid fino al Psg.

Più facile sembrava arrivare a Ashley Young, l’esperto capitano dello United, ma non incedibile per il club. Il 34enne è il rinforzo prescelto da Conte e dalla società per la fascia sinistra, ma quando sembrava tutto fatto ecco il contropiede del Manchester: secondo quanto riportato dal ‘Daily Express’, infatti, il vice-presidente Ed Woodward avrebbe bloccato la cessione a gennaio di Young, preferendo perdere il giocatore a parametro in estate.

Young potrebbe firmare un pre-contratto con l’Inter, soluzione che comunque non accontenterebbe i nerazzurri, che hanno bisogno nell’immediato di un esterno difensivo visti i problemi fisici che attanagliano Asamoah.

 

SPORTAL.IT

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...