Virgilio Sport

Inter-Samp 3-0, Barella implacabile avvisa la Juve. Pagelle

Trascinata da un Barella inarrestabile, l'Inter supera 3-0 la Sampdoria e completa il controsorpasso in classifica sulla Juventus a una settimana dal derby d'Italia

Pubblicato:

Lorenzo Marsili

Lorenzo Marsili

Sport Specialist

Giornalista pubblicista, redattore, divulgatore. E' una delle anime video del sito: racconta in immagini un evento e lo fa come pochi altri

Grazie al successo 3-0 contro la Sampdoria, l’Inter rimette la freccia sulla Juventus in classifica e si prende il terzo posto virtuale in attesa delle gare di Atalanta e Lazio. Ottima la prova dei nerazzurri di Simone Inzaghi, che non rischia praticamente nulla e mette in ghiaccio la gara già nel primo tempo, grazie alle reti di De Vrij e Barella. Il tris arriva nella ripresa, grazie alla grande giocata di Correa. I nerazzurri arrivano al derby d’Italia di settimana prossima in un grandissimo stato di forma.

Inter-Sampdoria, i momenti chiave della gara

Nel silenzio della curva Nord per l’uccisione dello storico capo ultrà nerazzurro, Vittorio Boiocchi, l’Inter supera senza grandi problemi la Sampdoria. L’undici di Simone Inzaghi chiude i giochi già nel primo tempo grazie all’incornata di De Vrij sul classico corner perfetto di Calhanoglu. Il raddoppio, a un soffio dal riposo, è di Barella, che sfrutta il lancio perfetto di Bastoni a tagliare fuori la linea difensiva blucerchiata e supera Audero con un delizioso mezzo esterno destro sul primo palo. A metà ripresa, appena entrato in campo, Correa la chiude infilando la sfera sotto il sette al termine di un dirompente coast-to-coast.

Qui tutte le azioni di Sampdoria-Inter

Inter-Sampdoria, l’analisi della partita

Prova di forza dell’Inter, che lascia le briciole a una Sampdoria in caduta libera e si prende tre punti più che meritati. I blucerchiati iniziano anche bene, pressando alto e provando a mettere apprensione ai nerazzurri, ma le individualità e i colpi dell’undici di Inzaghi indirizzano il match e spengono ogni speranza degli uomini di Stankovic. Il corner di Calhanoglu, l’incornata di De Vrij, il lancio di Bastoni, la giocata di Barella, quella di Correa e il piedone di Onana: troppa Inter per questa Sampdoria.

Le pagelle di Inter-Sampdoria

Sampdoria-Inter, le pagelle dell’Inter

Onana 6,5: Nella tranquilla serata di San Siro si accende quando serve e tiene inviolata la propria porte. Attento nelle uscite, è super con il piedone sulla botta sicura di Pussetto a 2′ dal novantesimo.

Dzeko 6,5: Gioca da regista avanzato e lo fa al meglio, soprattutto nel primo tempo. Per lui, solo un tentativo verso la porta di Audero, ma è preziosissimo nei lanci e nel far salire la squadra. Ancora una volta, tra i migliori.

Bastoni 6,5: Il lancio per Barella vale da solo il prezzo del biglietto. Non si risparmia, sale, imposta, lancia e copre sempre con attenzione e precisione. Ritrovato.

De Vrij 7,5: Torna al gol con uno stacco imperioso che apre le danze, poi, guida la difesa come ai buoni vecchi tempi.

Calhanoglu 6,5: Pare svolgere da sempre il nuovo ruolo di play cucitogli addosso da Inzaghi per sopperire all’assenza di Brozovic. Chiude e imposta con tranquillità e precisione. Come sempre, al bacio dal corner.

Barella 8: È la mente e il (sempre più) il braccio di questa Inter. Lo si trova ovunque. Fa sembrare semplice anche un gol di una bellezza assoluta. Trascinatore.

Correa 7: Entra e in 5′ chiude il match con un’azione personale che incorniciare. Il ruolo da comprimario sembra calzargli a pennello.

Sampdoria-Inter, le pagelle della Sampdoria

Bereszynski 6: Tra le poche sufficienze della serata blucerchiata, il capitano della Sampdoria prova a mettere apprensione la retroguardia nerazzurra

Ferrari 4: Sbaglia praticamente tutto. Dalle sue parti, l’Inter passa praticamente sempre. In affanno costante.

Caputo 5: Si vede soltanto su un’uscita non precisissima di Onana, ma il momento no continua e pare essere senza fine.

Sampdoria-Inter, la pagella di Massimi

Il giovane fischietto di Termoli tiene con buona personalità una gara che, nella prima metà della ripresa, avrebbe potuto innervosirsi e non poco. Decisioni sempre corrette sui cartellini.

Inter-Sampdoria, le conclusioni

Dopo le sconfitte contro l’Udinese e la Roma nella seconda metà settembre, l’Inter sembra non volersi più fermare. Sesta vittoria nelle ultime sette gare, con la serie interrotta solo dal pari di Barcellona. Le nubi di qualche settimana fa sembrano solo un vecchio ricordo. Ora, il Bayern Monaco da giocare con la leggerezza e la serenità di chi non ha nulla da perdere. L’appuntamento importante è quello con il derby d’Italia del 6 novembre allo Stadium e le premesse per arrivarci da favoriti ci sono tutte.

Inter-Sampdoria, il tabellino

Inter (3-5-2): Onana; Skriniar, De Vrij, Bastoni (22′ st. Acerbi); Dumfries (33′ st. Bellanova), Barella, Calhanoglu (37′ st. Asllani), Mkhitaryan, Dimarco; Lautaro (22′ st. Lukaku), Dzeko (22′ st. Correa). Allenatore: Inzaghi.

Sampdoria (3-5-2): Audero; Ferrari, Colley, Amione; Bereszynski, Yepes (1′ st. Vieira), Villar (6′ st. Verre), Djuricic (31′ st. Rincon), Leris; Caputo (21′ st. Pussetto), Gabbiadini (31′ st. Montevago). Allenatore: Stankovic.

Marcatori: 20′ pt. De Vrij (I), 44′ pt. Barella (I), 27′ st. Correa (I)

Arbitro: Luca Massimi di Termoli

Note: ammoniti: Yepes (S), Colley (S), Djuricic (S), Verre (S), Gabbiadini (S), Bastoni (I), Vieira (S)

Tags:

Leggi anche:

Falkensteiner Hotel & Spa Jesolo

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...