Virgilio Sport

Inzaghi risponde alla provocazione di Allegri e chiarisce il suo sfogo

Il tecnico nerazzurro si augura che la giustizia sportiva sia celere nell'emettere un verdetto definitivo su penalizzazione Juve

Pubblicato:

Fabrizio Piccolo

Fabrizio Piccolo

Giornalista

Nella sua carriera ha seguito numerose manifestazioni sportive e collaborato con agenzie e testate. Esperienza, competenza, conoscenza e memoria storica. Si occupa prevalentemente di calcio

Giocare contro la Juve gli piace, lo ha dimostrato alla Lazio, quando vinse una Supercoppa, e in nerazzurro visti i successi di Coppa Italia e Supercoppa dell’anno scorso. Simone Inzaghi spera di ripetersi anche in campionato (dopo il ko dell’andata) per continuare a inseguire un consenso che molti gli continuano a negare nonostante risultati non disprezzabili. Gli rimproverano anche di esibire troppo spesso i risultati raggiunti con l’Inter e non è bastata neanche la qualificazione ai quarti di Champions per cacciare le ombre di un possibile addio estivo.

Inter, Inzaghi non cade nella provocazione di Allegri

Si parte proprio dalla gara di domani: “Sappiamo cosa rappresenta questa gara per la società e i tifosi, entrambe le squadre stanno bene, sarà una partita fatta di corsa e determinazione”. Allegri dice che la Juve è seconda a +3 dall’Inter ma Inzaghi non cade nella trappola e schiva le polemiche: “Noi consideriamo la Juve una grandissima squadra, perché è completa e fatta di tantissimi giocatori molto forti. La rispettiamo molto, l’abbiamo incontrata in finali molto sentite, già nella gara di andata e poi avremo due semifinali di Coppa Italia. La rispettiamo molto, sappiamo quanto è importante la preparazione mentale. Io guardo la classifica in questo momento, poi ci sono gli organi giudiziari che devono decidere, speriamo solo che si sappia tutto presto perché abbiamo tutti bisogno di chiarezza”. C’è euforia per la qualificazione in Champions ma c’è anche un po’ di stanchezza, poi ad aprile ci aspetta un altro tour de force, avrò bisogno di tutti”.

Inter, Inzaghi rimanda il sogno Champions

Capitolo Champions, si riparte dal Benfica e da quei sorteggi che ieri hanno evitato tutte le big ai nerazzurri: “Ci auguriamo tutti un grande finale di stagione ma l’unico pensiero ora per me è la Juve. Siamo orgogliosi di quanto fatto a Oporto, dove a parte i minuti finali non abbiamo mai subìto, ma abbiamo il focus sul campionato per ora”.

Inter, Inzaghi contento della crescita di Lukaku

Lukaku non è ancora al top: “Sta aumentando i minutaggi, è stato importantissimo in Champions assieme ai compagni, ha giocato 90′ più recupero a Spezia, sta lavorando nel migliore dei modi poi tocca a me fare le scelte, ma sono contento di lui. Anche Correa si sta allenando bene, ci servirà anche lui”. Il Messi della Juve è Di Maria secondo Stramaccioni: “Conosciamo tutti che tipo di giocatore è, un grandissimo campione, ma anche con Kean e Vlahovic è un’ottima Juve, poi c’è Chiesa, hanno una rosa importante con giocatori che possono spostare la partita. Di Maria come altri sarà un osservato speciale”. Sei italiane sono ai quarti nelle coppe europee: “Ne avevamo bisogno, abbiamo fatto tutti grandi partite, tutte meritano i complimenti. Si è fatto un grandissimo passo, dobbiamo continuare per il bene del nostro paese e del nostro movimento.

Inter, Inzaghi chiarisce il suo sfogo

E qui Inzaghi si aggancia per chiarire le sue parole entusiastiche con rivendicazioni dei risultati personali: “Non è stato uno sfogo, ho detto certe cose pensando agli ultimi 12 anni dell’Inter non al periodo precedente, ho ben presente la storia dell’Inter. Noi negli spogliatoi eravamo consapevoli di aver compiuto una grande impresa. I giocatori si sono impegnati anche per me? Questa squadra ha sempre fatto cose buone in questi 18 mesi, al di là dei personalismi dobbiamo ragionare per i tifosi per questo club, lavorando tra critiche ed elogi, infortuni e stanchezza”

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...