,,
Virgilio Sport SPORT

Juve, Allegri fa mea culpa dopo il Sassuolo: “Siamo stati polli”

Massimiliano Allegri risponde alle domande dei giornalisti dopo il Ko interno contro il Sassuolo. Meriti dei neroverdi sicuramente, ma per Max molti demeriti di Madama.

27-10-2021 23:47

La Juventus di Massimiliano Allegri esce dall’Allianz Stadium con 0 punti guadagnati dopo la sconfitta maturata allo scadere contro il Sassuolo di Alessio Dionisi. I bianconeri si sono mostrati frettolosi, poco organizzati e troppo scoperti nel finale di gara, quando nel tentativo di vincerla si sono fatti sorprendere completamente scoperti dal cambio gioco di Berardi che ha portato al gol di Maxime Lopez. Massimiliano Allegri è diventato in questo incontro il terzo allenatore a tagliare il traguardo delle 200 panchine di Serie A con la Juventus, dopo Giovanni Trapattoni (402) e Marcello Lippi (258).

JUVENTUS-SASSUOLO: LE PAROLE DI ALLEGRI

Subito dopo la fine della gara, il tecnico della Vecchia Signora Allegri si è presentato in sala stampa ai microfoni dei giornalisti. Ecco le sue parole:

“Abbiamo perso ordine dopo il gol del pareggio, dobbiamo capire che certe partite se non le vinci non puoi perderle. Nel finale siamo diventati nevrotici. Non dovevamo assolutamente prendere il gol del 2-1, non dovevamo perdere lucidità. Occorreva dare continuità, stare molto più attenti soprattutto contro squadre come il Sassuolo che sono forti negli spazi”.

La Juve si trova ora in una situazione di classifica difficile, all’ottavo posto con 15 punti. L’ultima sconfitta di Madama contro il Sassuolo risaliva al 2015, anno nel quale la Juventus era in palese difficoltà a questo punto della stagione ma che poi arrivò alla conquista dello Scudetto dopo una rimonta clamorosa:

“Non mi va di parlare ora di questo, bisogna lavorare sugli errori che facciamo, nella gestione dei momenti delle partite. Il campionato è lungo e un punto alla fine del campionato può essere importante. Siamo mancati nell’ultimo passaggio ma abbiamo avuto anche diverse occasioni per far gol. Quello che non deve capitare è la nostra gestione negli ultimi minuti, l’inerzia della partita era a nostro favore”.

“SIAMO STATI DEI POLLI”

Il tecnico della Vecchia Signora fa un paragone con la partita pareggiata a San Siro contro l’Inter, punzecchiando la propria squadra per la mancanza di attenzione su situazione di pareggio:

“Non abbiamo subito contropiedi a Milano quando perdevamo 1-0 e li abbiamo presi oggi sull’1-1. Non credo sia una questione di condizione. Credo sia più un fattore mentale, non dobbiamo avere fretta. Bisogna essere più cinici quando andiamo a fare gol, poi cambiano le partite. Il Sassuolo a campo aperto ha fatto bene, sono una squadra tecnica, e noi sotto quell’aspetto lì siamo stati dei polli”.

Infine, spazio al commento sulla prova di due singoli, ovvero Alvaro Morata e Weston McKennie, ex Schalke 04 e autore del gol del momentaneo pareggio bianconero nella sfida di oggi:

Alvaro a fine stagione avrà fatto gol importanti per vincere le partite. McKennie ha fatto buone partite, ha gamba, non è una questione di ordine o altro. Lui ha fatto bene così come può fare bene lì Bentancur”.

OMNISPORT

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...