Virgilio Sport

Juventus-Napoli, feroce polemica sui biglietti

Tra i vip contrari anche Salvatore Esposito di Gomorra.

08-08-2019 22:02

Juventus-Napoli, feroce polemica sui biglietti Fonte: 123RF

Mancano tre settimane alla super sfida di campionato tra Juventus e Napoli, in programma nella seconda giornata di serie A, che metterà Maurizio Sarri di fronte alla sua ex squadra. Ma già fioccano le polemiche.

I campioni d’Italia hanno annunciato sul loro sito ufficiale che il divieto di vendita dei biglietti per quella gara sarà esteso anche a chi è nato nella regione Campania: è la prima volta che accade. Il provvedimento ha fatto infuriare i tifosi partenopei che abitano nel centro-nord e sui social si è scatenata una polemica feroce.

La Questura di Torino attraverso un comunicato stampa ha negato ogni accordo con la Juventus, specificando che “non ha mai concordato tale decisione con la società sportiva né intende condividerla”. La Juventus però ha tirato dritta per la sua strada e ha confermato che la vendita dei biglietti è negata a chi è nato in Campania.

“La notizia del divieto di vendita da parte della società calcistica Juventus F.C. dei tagliandi per la partita Juventus – Napoli, in programma sabato 31 agosto, a chi è nato in Campania ha tutta l’aria di essere una precisa scelta di discriminazione territoriale e sociale“, sono le parole di Flavia Sorrentino, delegata all’Autonomia della Città del Comune di Napoli. 

“Il comunicato diramato dalla Questura di Torino in cui si afferma che la scelta non è stata né concordata né condivisa è un ulteriore elemento che fa riflettere sulle motivazioni che sono alla base di tale decisione. Essere nati a Napoli, essere cittadini campani non è un marchio di disonore né un elemento per cui prendere provvedimenti restrittivi. A meno che non si voglia sdoganare definitivamente o dare liceità ad un messaggio razzista che ha l’intento di colpire i meridionali che vivono e lavorano a Torino. Porremo questo ed episodi analoghi all’attenzione dell’Osservatorio Difendi la Città, il cui bando di selezione per i componenti è pubblico e ancora aperto”.

Contrariati anche molti vip campani, tra questi Salvatore Esposito, noto attore nella serie tv Gomorra: “Si arriva alla vergogna, allo schifo e alla tristezza più totale. Il calcio è un gioco e voi lo state distruggendo“, sono le parole riportate dall’Ansa.

“Sono nato a Napoli – afferma Esposito, su Facebook – e ne sono fiero, sono nato in Campania e ne sono fiero, sono tifoso del Napoli e ne sono fierissimo. Volevo dire agli organi competenti, all’Uefa, alla Fifa, alla Lega A, che fanno lotte contro il razzismo ‘say no to racism’ e poi permettono che venga vietata la trasferta non solo ai tifosi di una determinata squadra, perché questo accade per tutte le squadre, ma a chi è nato in una determinata zona e a chi è residente in una determinata regione. Di questo passo credo si arrivi alla vergogna, allo schifo e alla tristezza”.

SPORTAL.IT

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...