,,
Virgilio Sport

Allegri, conferenza stampa pre PSG-Juve: le reazioni tra polemiche e sarcasmo

Le parole di Allegri alla vigilia di PSG-Juventus di Champions League, che ha commentato anche il caso di Pogba e quando tornerà. I commenti dai social

05-09-2022 20:46

Luca Santoro

Luca Santoro

Giornalista Sportivo

Giornalista pubblicista, già collaboratore per eventi sportivi internazionali nel campo del motorsport. Laureato in Teoria e Tecniche dell'Informazione, Master in Management dello Sport

Siamo alla vigilia del debutto stagionale della Juventus in Champions League, e che domani affronterà per l’apertura del Girone H il Paris Saint-Germain in trasferta, alle ore 21:00.

Intanto in queste ore il tecnico Massimiliano Allegri si è presentato assieme a Leonardo Bonucci nella consueta conferenza stampa pre-partita: diversi gli argomenti affrontati, tra cui la svolta sull’infortunio di Paul Pogba, visto stamane allenarsi alla Continassa per poi annunciare in serata la decisione, presa in concerto con lo staff medico della Juve, di operarsi al menisco e i cui tempi di recupero potrebbero essere di sei settimane. Ma procediamo per gradi.

Allegri sul match contro il PSG

“Domani iniziano i gironi della Champions, serviranno 10 punti per passare il turno”, ha spiegato il tecnico. “È una partita bella da giocare contro una squadra straordinaria, faremo un bel match sotto l’aspetto tecnico. Vanno poi fatti 10 punti, che siano 3 domani o 3 la prossima, bisogna comunque farli. Sarà divertente, la Champions ti regala emozioni diverse. Essere qui è un orgoglio per tutti noi, sono partite ancora più belle da giocare. Il PSG è tra le più forti, se non la favorita numero uno. Dovremo essere all’altezza. Dovremo anzitutto passare il turno, poi da marzo inizierà una nuova Champions. Facciamo un passo alla volta, dobbiamo migliorare. Fin qui l’andamento è stato quello di andare in vantaggio ma poi lì ci siamo fermati. Dobbiamo lavorare su questo. Ora non si decide nulla, serve migliorare e lavorare”.

“Di Maria andava preservato”. Prime ammissioni sulla formazione

Non sarà disponibile Angel Di Maria, che ancora non ha recuperato dall’infortunio. Il Fideo dopo l’allenamento pre-match ha fatto capire di non essere al massimo dopo la lesione di basso grado del muscolo adduttore lungo della coscia sinistra accusata nella partita di apertura della stagione contro il Sassuolo, e di non voler forzare troppo. Allegri quindi non lo ha convocato contro la sua ex squadra, e ha spiegato: “Col senno di poi non si va da nessuna parte. L’ho fatto giocare con lo Spezia perché avevamo bisogno di una scossa. Domenica stava meglio, ma non era il caso di portarlo con noi a Parigi e correre il rischio quando davanti a noi abbiamo tante partite importanti fino a novembre, perdendo la condizione fisica”. Sulla formazione il tecnico ha quindi dato poche certezze, rinviando alle prossime ore per la lista definitiva: “Bonucci, Vlahovic, Rabiot e Perin giocano. Devo poi capire come stanno Alex Sandro e Paredes e chi gioca domani davanti”.

Allegri su Pogba: “Torna a gennaio”

Poi il discorso su Pogba, e qui Allegri si è sbilanciato. Anzitutto, ha spiegato che tornerà in campo a gennaio (“Difficilmente tornerà prima di novembre, bisogna essere realisti”), per poi commentare: “Stamattina è uscito per la seconda volta, si è fermato e ha deciso di operarsi. Mi auguro che rientri prima del Mondiale ma mancano 45 giorni all’inizio. Il Mondiale non è un problema mio, quello della Juventus è che possa tornare a gennaio. Dobbiamo guardare in avanti. Il passato non si cambia: se prendi una decisione è giusta, poi dopo vedi se è stata fatta bene o no. Non pensiamo al se forse avessimo fatto. Pensiamo a fare una bella gara domani».

I tifosi si dividono su Pogba

Su queste parole si sono fatti sentire tifosi e commentatori sul web. Partiamo da Pogba, con Luigi che su Twitter guarda al bicchiere mezzo pieno: “Sono contento per la notizia di Pogba. L’operazione risolve il problema. Vuol dire che da gennaio avremo sia lui che Chiesa al 100%. La Juventus non può prescindere da loro. Stringiamo i denti fino a novembre. Meglio averlo da gennaio in poi al 100% che averlo a mezzo servizio”. Più polemico Enrico Tosi: “È una vergogna che in questi casi la decisione ultima venga lasciata al giocatore e non alla Società che lo paga! Pogba non ancora giocato un minuto di campionato. A gennaio avrà poi bisogno un altro mese per entrare veramente in forma. Fuori praticamente mezza stagione!”. E Giuseppe: “Chi l’avrebbe mai detto? Dilettanti allo sbaraglio”.

Il sarcasmo sulle parole di Allegri

Sulla frase di Allegri “A gennaio sarà un’altra stagione. Ora dobbiamo restare sereni e dare seguito al nostro lavoro” ci sono state altre reazioni su Twitter. Riportiamo la dettagliata analisi di Stefano Gabrielli: “Storicamente le squadre di Allegri partono sempre male (in tutti i campionati che ha fatto, solo nel 2014 e nel 2018 partì vincendo tutte le partite nelle prime 5 giornate), per cui sono fiducioso perché le sue squadre di solito vengono fuori alla distanza. Cioè l anno scorso avevamo fatto 1 punto in 5 partite, quest’anno 9 e siamo a -2 dalla vetta: per essere appunto una squadra di Allegri, che solitamente ha nella partenza il tallone d Achille, è un buon avvio di stagione questo (al di là dei punti lasciati con Samp e Roma)”. Più caustici gli altri commenti, come quello di Juv’Inside (“Si, una nuova stagione con un nuovo allenatore”),  o quello di Alessandro Lefemine (“Un’armata brancaleone completamente allo sbaraglio. Ecco quello che è la Juventus oggi”). Sulla stessa falsariga gli altri tweet.

 

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...