Virgilio Sport

Empoli-Napoli, le scuse di Calzona che si prende tutte le colpe. Messaggio alla squadra: "Ritroviamo orgoglio"

Il tecnico dei partenopei si assume tutte le responsabilità del periodo negativo del club campano. Non si parla più di obiettivi ma di chiudere con dignità la stagione.

Pubblicato:

Alessio Raicaldo

Alessio Raicaldo

Sport Specialist

Un figlio che si chiama Diego e la tesi di laurea sugli stadi di proprietà in Italia. Il calcio quale filo conduttore irrinunciabile tra passione e professione. Per Virgilio Sport indaga, approfondisce e scandaglia l'universo mondo dello sport per antonomasia

Dieci sconfitte e sentirle, tutte. Il Napoli ha provato con più allenatori e con la sessione invernale di calciomercato a ridare un senso a una stagione che un senso non ce l’ha. Così sorprende fino a un certo punto il ko dei partenopei contro l’Empoli, peraltro con lo stesso punteggio dell’andata. Ai toscani è bastato davvero poco: un gol di Cerri dopo appena 4 minuti e un primo tempo di livello per prendersi l’intero bottino al cospetto dei campioni d’Italia. Reazione troppo soft degli uomini di Calzona in quella che è una resa definitiva all’Europa.

L’ammissione di colpa di Calzona

Ciccio Calzona fa mea culpa per la prestazione del Napoli: “Non ha funzionato l’approccio alla partita. Siamo stati molli, timidi, è inconcepibile questa cosa ma la responsabilità è mia. Non sono riuscito a fargli arrivare la voglia di arrivare più in alto possibile. Addio alla Champions? E’ chiaro che se non vinciamo è difficile pensare di arrivare in alto. Ma dobbiamo onorare la maglia, dare di più ed entrare prima in partita. C’è un dato sconcertante: siamo la squadra che ha segnato di meno nei primi 15 minuti“.

La situazione è peggiore di quella che pensavo

Calzona poi continua la sua critica: “Siamo anche leziosi, questo problema di mancanza di rabbia per riconquistare palla ce lo portiamo dietro da quando sono arrivato. Evidentemente non gli ho fatto comprendere questo concetto importante. Il potenziale offensivo è importante ma bisogna stare lassù. Nel secondo tempo abbiamo fatto di più ma non abbiamo fatto un tiro in porta. Siamo stati leggibili. Le vicissitudini del Napoli di quest’anno sono note ma non pensavo di trovare una situazione così“.

Il discorso di lunedì alla squadra

Come si programma il futuro dopo un ennesimo ko del genere? “Dobbiamo guardare la prossima partita – spiega il tecnico dei partenopei -. Lavoriamo sull’orgoglio. Se non capiamo che certe situazioni vanno al di là della tattica non si può fare nulla. Voglia di vincere, onorare la maglia, approcciare bene le partite. Responsabilità della società? I giocatori nuovi sono arrivati in una stagione balorda e questo ha rallentato il loro inserimento. Io metto in campo la formazione migliore, quella che vedo negli allenamenti“. Infine, sulla contestazione dei tifosi: “Chiedo scusa“.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...