Virgilio Sport

Mancini: Ecco perché Balotelli e Belotti no e Giovinco sì

L'obiettivo resta qualificarsi agli Europei, smentito interesse naturalizzare Allan

Pubblicato:

Mancini: Ecco perché Balotelli e Belotti no e Giovinco sì Fonte: 123RF

Chi c’è lo ha meritato, chi non c’è non è al meglio ma porte aperte a tutti. Roberto Mancini non ha preclusioni, non chiude la nazionale a nessuno ma neanche si fa condizionare. La lista dei convocati per le prossime due partite con Ucraina e Polonia è lunghetta ma mancano nomi illustri, come quelli di Balotelli e Belotti, ad esempio. Perché non sono in gruppo? Semplice: “Sono valutazioni tecniche, non sono in un momento di forma straordinaria. Sono differenti, ma fanno parte di questo gruppo. Quando saranno al 100% non ci dovrebbero essere problemi. Belotti lo abbiamo visto tante volte e penso non sia al massimo della condizione. Così può tornare a essere quello di qualche tempo fa. Può essere deluso, ma non ci sono preclusioni, porte aperte a tutti”.

IL RUOLO DI INSIGNE – C’è invece Insigne, che Ancelotti ha trasformato in punta vera ma se e dove giocherà Lorenzinho in nazionale non è ancora dato sapere: “Insigne può giocare con qualità sia da esterno sinistro che da seconda punta. Quando i giocatori sono bravi è solo questione di tempo. Chiaro che debba prendere spunti sul campionato, certe situazioni possono essere prese anche in Nazionale. Nel suo ultimo raduno dissi a Insigne di non tornare troppo indietro a difendere, altrimenti perde lucidità. Ora gioca da seconda punta, è in una posizione ideale in questo momento. I suoi gol sono tutti belli, quello di ieri è uno classico dei suoi, un po’ alla Del Piero. Ma è più importante quello con il Liverpool…”. Però proprio il gol è uno dei problemi della sua Italia: “A volte capita che per diverse partite non riesci, poi di colpo la situazione cambia. Fa parte del calcio, ci sono giocatori di qualità tecnica importante. Non credo che la cosa andrà avanti per molto, riusciremo a farne anche diversi”. Magari grazie anche a un…ripescato come Giovinco: Giovinco ha 31 anni, sta facendo bene per diverso tempo, lo abbiamo seguito e dobbiamo vederlo dal vivo. Non ha avuto grosse opportunità, ora abbiamo deciso di chiamarlo”. Qualche chiamata c’è stata anche in corsa (“Stanno tornando a casa D’Ambrosio, Romagnoli e Cutrone, per vari problemi fisici. Stiamo convocando Tonelli della Sampdoria e Piccini del Valencia”) ma il punto è che la Nazionale deve ritrovare un fascino che sembra smarrito.

L’OBIETTIVO DA RAGGIUNGERE – “Leggo poco i giornali, scrivono sempre le stesse cose sulla Nazionale. Abbiamo intrapreso una strada, non semplice. Abbiamo perso con i campioni di Europa, 1-0, con una squadra under23 e mezzo. Potevamo perdere 2-0 o fare 2-1, non cambia molto. Abbiamo schierato tutti i giocatori tra Polonia e Portogallo, abbiamo ricevuto critiche anche lì. Con il nostro lavoro riusciremo a mettere insieme una buona squadra. L’obiettivo è qualificarci degli Europei. La Nations League è meglio delle amichevoli, ci mettiamo qualcosa in più con i tre punti in palio. Poi se riusciamo ad arrivare primi nel girone siamo felici, secondi ok, terzi c’è il sorteggio e può diventare un problema. Ma è l’unico. C’è un gruppo con Inghilterra, Croazia e Spagna, una delle tre retrocederà. Rischi di arrivare alle qualificazioni europee con squadre forti. Cerchiamo di vincere in Polonia”. C’è spazio anche per una carezza a Chiesa, massacrato dopo la sospetta simulazione contro l’Atalanta: “Lui può diventare uno dei giocatori migliori della Nazionale, deve lavorare. Anche ai nostri tempi qualcuno si buttava o cercava un rigore, ora con il Var si vede un po’ di più”. Dopo aver smentito l’interesse per la naturalizzazione di Allan (“non ne abbiamo mai parlato”) Mancini ha ribadito l’importanza di giocare a Genova contro gli ucraini: “Importante giocarla a Genova, speriamo di portare 24 ore di gioia, che le persone che hanno subito questa tragedia possano svagarsi un attimo”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Fiorentina - Genoa
Atalanta - Verona

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...