Virgilio Sport

Tragedia nel golf, pluricampione Murray si ritira da torneo e viene trovato morto: aveva problemi con l’alcol

La giovane stella del golf Grayson Murray è stata trovata senza vita a soli 30 anni: poche ore prima si era ritirato da un torneo per un malore

Pubblicato:

Il PGA Tour è in lutto: il massimo torneo di golf piange la morte del pluricampione Grayson Murray. È stato ritrovato senza vita questo sabato 25 maggio e non sono chiare le cause del decesso. Aveva 30 anni e si era appena ritirato dal torneo Charles Schwab Challenge di Fort Worth (Texas) durante il secondo turno di venerdì a causa di un malore non meglio specificato.

Morte Murray, le parole del commissario

Siamo rimasti devastati nell’apprendere – e con il cuore spezzato nel condividerlo – che il giocatore del PGA Tour Grayson Murray è morto questa mattina. Sono rimasto senza parole”, ha dichiarato in una nota Jay Monahan, commissario del circuito golfistico statunitense. ”Il PGA Tour è una famiglia e quando perdi un membro non sei più lo stesso. Piangiamo Grayson e preghiamo per il conforto dei suoi cari. Ho contattato i genitori per porgere le nostre più sentite condoglianze e durante quella conversazione mi hanno chiesto di continuare con il torneo. Erano convinti che Murray avrebbe voluto che lo facessimo. Per quanto difficile possa essere, vogliamo rispettare i tuoi desideri”.

Murray, il ritiro prima della morte

Murray aveva segnato un buon primo round di 68 (-2) nel Charles Schwab Challenge e ha deciso di ritirarsi dal torneo quando stava per finire il suo secondo round, con solo due buche rimaste da giocare, e dopo aver realizzato cinque colpi senza birdie. Ancora non è stato specificato il motivo, anche se la causa dovrebbe essere un malore di non chiara identità. Il giocatore aveva problemi con l’alcol.

Chi era Grayson Murray, il predestinato del golf

Murray è stato un giocatore di golf eccezionale fin dalla sua giovinezza. Ha vinto tre Callaway World Junior Championships consecutivi (2006-2008) ed è stato il golfista con il punteggio più alto nella sua fascia d’età. Dopo aver frequentato la Wake Forest University, la East Carolina University e l’Arizona State University, ha trovato il punto di rottura di cui aveva bisogno nel 2016, quando ha ricevuto da uno sponsor la possibilità di partecipare a un concorso del Korn Ferry Tour vicino alla sua città natale da Raleigh, nella Carolina del Nord. In quel torneo, il Rex Hospital Open, è finito tra i primi 10 e si è qualificato così per il circuito successivo.

Dopo aver segnato un’altra top 10 nella BMW Charity Pro-Am, la carriera professionale di Murray è decollata. Ha concluso la sua stagione con una vittoria al Nationwide Children’s Hospital Championship, finendo secondo nella money list del Korn Ferry Tour e guadagnandosi lo status completo nel PGA Tour per la stagione 2016-17. Murray non ha perso tempo ad affermarsi nel più grande circo del golf come debuttante. Ha vinto il Barbasol 2017 a soli 23 anni. Ha concluso al 66° posto nella FedExCup e ha arricchito il suo portafoglio con quasi 1,5 milioni di dollari.

Murray e i problemi di alcolismo

Dopo questo momento ascendente è arrivato però il calo a causa dei suoi problemi legati all’alcolismo. Nel 2021 è stato coinvolto in un alterco in un bar dell’Hotel Waialae, per il quale ha poi dovuto sostenere un’udienza con i rettori del PGA Tour prima di essere rilasciato sulla parola. Perché era ubriaco? Perché sono un dannato alcolizzato che odia tutto ciò che ha a che fare con la vita nel PGA Tour e questa è la mia vita di fuga, ha continuato a dire. Successivamente, è entrato in un centro di cura per la sua dipendenza.

L’anno scorso, durante gli Open del Messico e come ha confessato, ha bevuto di nuovo prima di uscire a giocare. “Ho effettuato 79 colpi. Sono tornato a casa e ho avuto un attacco di ansia che è durato quattro giorni. Era la sensazione peggiore che avessi mai avuto. Non avrei mai voluto rivivere una cosa del genere ed è stata l’ultima volta che ho bevuto qualcosa”, ha spiegato lo scorso gennaio, dopo aver vinto il Sony Open alle Hawaii , che ha festeggiato emotivamente con la sua compagna, che lo aveva sostenuto per uscire da quella spirale di autodistruzione.

Nel 2023, ha riacquistato il suo ruolo nel Korn Ferry Tour e ha conquistato due successi (l’Advent Health Championship a Kansas City e il Simmons Bank Open fuori Nashville) finendo quarto nella lista dei punti di quel tour e guadagnandosi un posto nel PGA TOUR per la stagione successiva. Murray ha aperto la stagione 2024 nel migliore dei modi, con la vittoria nei playoff del Sony Open alle Hawaii e con il 46esimo posto nella classifica mondiale. L’ultima gioia, prima della morte.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...