Virgilio Sport

MotoGP, Bagnaia: "Contento di essere in testa al Mondiale, ma non gongolo ancora"

Il pilota della Ducati completa la rimonta più folle della storia e a Sepang si gioca il primo match ball: "Podio ottimo, con Quartararo a terra ho gestito la mia corsa".

Pubblicato:

MotoGP, Bagnaia: "Contento di essere in testa al Mondiale, ma non gongolo ancora" Fonte: Getty Images

Sachsering, 19 giugno: Fabio Quartararo vinceva la sua terza corsa dell’anno e Pecco Bagnaia si ritrovava a 91 lunghezze dalla vetta.

Rimonta era una parola che non avrebbe avuto senso pronunciare, se non dopo lo strepitoso poker calato tra Olanda, Gran Bretagna, Austria e San Marino: il resto è ‘cronaca’, con un pedinamento sempre più stretto e il sorpasso compiuto in Australia, nonostante nelle ultime 4 prove il ducatista non abbia centrato la vittoria.

Nessun pilota ha prima di oggi ricucito un divario così netto (nel 1992 Rainey rimontò da – 65, approfittando dell’infortunio di Doohan, e nel 2006 Valentino Rossi si trovò primo alla penultima gara dopo essere stato a -51) e la caduta di Quartararo ha condizionato la corsa, ammette Bagnaia: “Quando ho saputo che Quartararo era caduto la mia gara è cambiata, mi sono detto che si doveva gestire e un podio va bene. Non sono partito bene, ma ho fatto molti sorpassi e nel finale con la media all’anteriore avevo meno percorrenza: abbiamo trovato carico sulla gomma davanti, ma nel finale era consumata.. Ho gestito: se avessi spinto ancora rischiavo di perdere, come Martin che nel finale ha perso il passo: c’era un folto gruppo a battagliare e se avessi spinto oltre non avrei tagliato il traguardo. Sono felice di essere in testa alla classifica, ma non gongolo ancora”.

Leggi anche:

Club Med

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...