,,
Virgilio Sport SPORT

Napoli contro Allan e gli ex, è caos dopo testimonianza Ancelotti

L'attuale allenatore del Real chiamato dal centrocampista brasiliano a deporre in suo favore: molti tifosi azzurri cambiano opinione su Carletto.

15-10-2021 12:44

Ieri a Napoli, negli studi dell’avvocato Arturo Frojo, presidente del Collegio Arbitrale, è andata in scena la prima udienza della questione Allan, il primo tra gli ex azzurri portati in tribunale dal Napoli per la vicenda del clamoroso ammutinamento post partita col Salisburgo del novembre 2019, quando i calciatori si rifiutarono di andare in ritiro come disposto dalla società. In un primo momento la decisione fu presentata come un atto di ribellione nei confronti del tecnico Ancelotti: in realtà le cose andarono diversamente.

Ancelotti testimone in difesa di Allan

Lo dimostra il fatto che l’attuale tecnico del Real Madrid è stato indicato proprio da Allan come testimone in sua difesa. Ancelotti e l’ex preparatore atletico Luca Guerra hanno assicurato in videoconferenza di non aver sentito il centrocampista brasiliano pronunciare la frase incriminata nei confronti del vicepresidente Edo De Laurentiis, che lo aveva minacciato di una maxi multa: “Quei 100mila euro mettiteli…”. Diverso il discorso per il ds Cristiano Giuntoli e il suo collaboratore Giuseppe Pompilio, che invece hanno testimoniato contro Allan.

Ammutinamento Napoli, le prossime tappe

Quella nei confronti di Allan, che aveva chiamato a testimoniare anche Insigne, Lozano e Maksimovic (tutti assenti giustificati) è solo la prima di 24 cause che il Napoli intende promuovere contro i suoi tesserati all’epoca dei fatti: in pratica tutti i giocatori in rosa a eccezione di Milik (che ha chiuso la vicenda con un accordo al momento del trasferimento al Marsiglia), Mertens e Zielinski (che hanno conciliato in sede di rinnovo). Il prossimo a comparire davanti al presidente dovrebbe essere Hysaj: per tutti la richiesta è di una percentuale della mensibilità di novembre 2019 da decurtare dallo stipendio. Sullo sfondo, però, c’è una causa civile per danni d’immagine al club promossa presso il Tribunale di Roma, che potrebbe portare a richieste di risarcimento multimilionarie per ognuno dei calciatori coinvolti.

Ancelotti difende i giocatori, fan sconvolti

La presa di posizione di Ancelotti, sceso in campo a favore di Allan e pronto a farlo per gli altri azzurri che dovessero richiedere la sua testimonianza, ha scosso le coscienze di diversi tifosi del Napoli. “Ma allora l’ammutinamento fu contro De Laurentiis, non contro Ancelotti“, scrive un fan. “Questo perché la squadra era tutta contro l’allenatore e non lo seguiva più”, polemizza un altro tifoso. Altri ribadiscono un concetto: “Questa vicenda andava chiusa subito, a che porta questa odissea giudiziaria contro molti che ancora giocano nel Napoli?”. Oppure: “Ma il capitano Insigne di tutta questa faccenda non sapeva e non sa niente?”. E ancora: “E pensare che per questa bravata siamo passati da Ancelotti a Gattuso, un anno e mezzo buttato”.

SPORTEVAI

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...