Virgilio Sport

Nuove accuse di minacce, Varriale si difende: sui social scoppia il caos

L'ex direttore di Rai Sport ha negato di aver minacciato telefonicamente la sua ex compagna, ma il popolo del web ha già emesso la sua sentenza

Pubblicato:

Gerry Capasso

Gerry Capasso

Giornalista

Per lui gli sport americani non hanno segreti: basket, football, baseball e la capacità innata di trovare la notizia dove altri non vedono granché

Non c’è pace per Enrico Varriale: l’ex direttore di Rai Sport è nuovamente nei guai, dato che rischia di finire sotto processo dopo essere stato raggiunto dall’atto di chiusura indagini firmato dai pm della procura di Roma. Le accuse nei suoi confronti sono di atti persecutori e lesioni aggravate. Inoltre, il Corriere della Sera ha riportato alcuni passaggi di due telefonate di minacce, che il giornalista 63enne avrebbe fatto alla sua vittima, e che sarebbero avvenute il 19 dicembre 2021.

Le accuse a carico di Enrico Varriale

Telefonate che Varriale avrebbe fatto dagli studi Rai, utilizzando una voce camuffata, minacciandola di morte. Secondo gli inquirenti, prima delle telefonate ci sarebbe stata anche un’aggressione, durante la quale Varriale avrebbe colpito la donna con uno schiaffo, la quale sarebbe poi sbattuta a terra perdendo i sensi. E successivamente, ci sarebbe stata la minaccia mentre la vittima cercava di chiamare il 112: “se mi denunci, ti ammazzo”.

Le replica di Varriale

Un quadro di accuse molto pesante, che però il giornalista respinge con fermezza: «Sono solo falsità – sono le parole di Varriale riportate da Dagospia – c’è stata solo una chiamata durata tre secondi, nessuna minaccia. Ho denunciato la signora, che ha distrutto casa mia, ora aspettiamo di conoscere le valutazioni del giudice». Varriale, difeso dall’avvocato Fabio Lattanzi, ha sempre negato ogni accusa.

Varriale, storia di un processo

Il giornalista televisivo era finito sotto processo per la prima volta nel 2021 per stalking ai danni della sua ex compagna. In quel caso, la Procura di Roma chiede e ottenne dal gip il processo con rito immediato, ed il 30 settembre di quell’anno il giornalista venne ascoltato dal gip Monica Ciancio, che dispose il «divieto di avvicinamento a meno di 300 metri dai luoghi frequentati dalla persona offesa» e di «non comunicare con lei neppure per interposta persona. Le condotte poste in essere dal Varriale – si leggeva nel dispositivo – danno conto di una personalità aggressiva e prevaricatoria, evidentemente incapace di autocontrollo».

Varriale nel mirino dei social

L’avvocato Lattanzi ha commentato all’Agi: «Nessuna prova schiacciante come scritto da alcuni giornali. La procura e il gip come in tutti i processi per stalking hanno chiesto l’immediato. Siamo confidenti che Varriale sarà prosciolto». Naturalmente sui social la notizia ha avuto molto risalto, e in tanti non hanno perso l’occasione di sottolineare l’accaduto, fermo restando che l’indagine è ancora in corso. Come Marco: “Per 20 anni il calcio è stato raccontato da personaggi del genere, poi ci chiediamo come siamo finiti così in basso, cialtroni”. E Salvatore aggiunge: “Fosse vero, questo merita di finire dentro senza sconti, e non perché è antijuventino, ma perché chi si comporta così, non è un uomo, e merita solo di finire dentro”: E Morris rincara la dose: “Per 20 anni la TV è stata raccontata da personaggi del genere”. Mentre Fabio getta acqua sul fuoco: “Non dobbiamo essere come loro . Aspettiamo la sentenza e poi giudicheremo con calma e obiettività”

Nuove accuse di minacce, Varriale si difende: sui social scoppia il caos Fonte: Ansa

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...