Virgilio Sport

Penalizzazione Juve, domani il D-Day al Coni: tutti gli scenari possibili e le previsioni

Domani giornata fondamentale per la Juventus che un giorno prima della gara di Lisbona in Europa League gioca il match importantissimo davanti al Collegio di Garanzia del Coni per il ricorso contro la penalizzazione di 15 punti

18-04-2023 10:47

Luca Fusco

Luca Fusco

Giornalista

Giornalista multimediale. Quando si accendono i motori, lui sgasa, impenna, derapa. E spesso e volentieri finisce sul podio

C’è una partita da giocare per la Juventus, una delle più importanti, forse la più importante. Si gioca di mercoledì ma non è di Champions League anche se con la partecipazione alla vecchia Coppa dei Campioni ha molto a che fare. L’avversario non è lo Sporting Lisbona, che affronterà i bianconeri “solo” giovedì nel ritorno di Europa League. Ma è quella penalizzazione di 15 punti che “pesa” tanto sulla classifica attuale della squadra di Allegri.

Il D-day della Juve è quello della udienza davanti al Collegio di Garanzia dello Sport presso il Coni che dovrebbe decidere in via definitiva sul caso plusvalenze che ha investito il club della Vecchia Signora lo scorso gennaio. Tre gli scenari possibili, vediamo quali.

La Juve e non solo davanti al Collegio di Garanzia del Coni

Domani mercoledì 19 aprile è il D-day della Juventus. Il giorno in cui verrà discusso dal Collegio di Garanzia del Coni il ricorso del club in merito al -15 in classifica per le plusvalenze. Non solo la Juve si difenderà dalla penalizzazione inflitta il 20 gennaio scorso per le plusvalenze, ma ci sarà tutto il vecchio board bianconero, l’ex cda che dopo lo scoppio della grana dell’inchiesta Prisma e del deferimento sportivo della Procura Federale si è dimesso.

A fare ricorso oltre la Juve, l’ex presidente Andrea Agnelli, gli ex dirigenti di primo piano Fabio Paratici, Federico Cherubini, Pavel Nedved, Maurizio Arrivabene, Paolo Garimberti, Assia Grazioli-Venier, Caitlin Mary Hughes, Daniela Marilungo, Francesco Roncaglio, Enrico Vellano. Tra gli esponenti di spicco ricordiamo le squalifiche: 2 anni e mezzo a Fabio Paratici, 2 anni ad Andrea Agnelli e Maurizio Arrivabene, 1 anno e 4 mesi a Federico Cherubini e 8 mesi a Pavel Nedved.

L’udienza è fissata per le 14.30 e sarà presieduta dalla Presidente del Collegio di Garanzia dello Sport, Gabriella Palmieri Sandulli. Con lei ci saranno i presidenti delle rispettive sezioni: Vito Branca, Attilio Zimatore, Massimo Zaccheo e Dante D’Alessio. La Figc, ricordiamo non si è costituita, la controparte della Juventus nel procedimento sarà il Procuratore Generale dello Sport, il prefetto Ugo Taucer.

Ricorso Juventus, tutti gli scenari/1: conferma del -15

Sono tre gli scenari al momento possibili e ipotizzabili che si potrebbero verificare domani davanti al Collegio di Garanzia dello Sport del Coni. Il primo, il più facilmente intuibile, e temuto da Allegri così come tutti i tifosi della Juventus, è il rigetto del ricorso del club bianconero. E’ lo scenario più fosco per la Vecchia Signora e potrebbe significare una cosa sola: il -15 in classifica rimarrebbe tale lasciando la Juve in fondo alle squadre di alta classifica, specie dopo le due ultime sconfitte con Lazio e Sassuolo che hanno rallentato la rimonta di Danilo e compagni.

Ricorso Juventus, tutti gli scenari/2: annullamento penalizzazione

Il secondo scenario possibile che farebbe felice tutta la juventinità è ovviamente l’accoglimento del ricorso da parte del Collegio del Coni. In quel caso la sentenza verrebbe riscritta, anzi capovolta del tutto, sconfessando la condanna dello scorso gennaio da parte della Corte d’appello della Federazione Italiana Gioco Calcio (Figc). In questo caso, con effetto immediato la Juventus riavrebbe i 15 punti in classifica e tornerebbe in piena zona Champions, terza dietro il Napoli e la Lazio, davanti alla Roma e prepotentemente davanti alle lombarde/milanesi, Inter e Milan, di fatti dalla prossima Champions assieme all’Atalanta.

Ricorso Juventus, tutti gli scenari/3: rinvio alla Corte Federale

Il terzo scenario percorribile da parte del Coni è quello che qualche mese fa sembrava impossibile ma che nelle ultime settimane si è fatto comunque strada nelle ipotesi di giustizia sportiva. Stiamo parlando della richiesta di una rimodulazione della sentenza. La palla tornerebbe quindi alla Corte d’Appello Federale per correggere eventuali vizi indicati dal Collegio di Garanzia e alla luce di questi riesaminare il procedimento, giungere a una nuova sentenza e scrivere nuove motivazioni. Che potrebbe voler dire l’attesa di una nuova sentenza e chissà, un’assoluzione o una penalizzazione meno pesante del -15.

Come sarebbe la classifica senza il -15 alla Juventus

Sia nel secondo ma anche nel terzo scenario (in attesa di un nuovo giudizio) la Juventus riavrebbe i 15 punti nella classifica di serie A che quindi assumerebbe un nuovo aspetto nelle prime 7 posizioni. Questa sarebbe la nuova classifica:

  1. Napoli 75
  2. Lazio 61
  3. Juventus 59
  4. Roma 56
  5. Milan 53
  6. Inter 51
  7. Atalanta 49

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...