Virgilio Sport

Renica: Basta macchina del fango su Maradona, è bufera social

L'ex libero del Napoli si sfoga su Facebook

Pubblicato:

“Ufficiale, chiudo per sempre la mia visione di Mediaset. Basta a tutto c’è un limite”. Alessandro Renica è disgustato. L’ex libero del Napoli dei due scudetti e della coppa Uefa è attivissimo su Facebook da tempo e da quando è morto Maradona non fa che ricordarlo con filmati e aneddoti, piangendone la scomparsa. Dopo aver visto Tiki-Taka di ieri sera Renica ha postato sui social il suo messaggio con un cartello verde per sottolineare come fosse amareggiato per quello che si continua a dire sul Pibe.

Renica era rimasto deluso per esclusione da murales a mostra Maradona

Renica era appena uscito da una “delusione” particolare, dopo aver visto che non c’è tra i murales che rappresentano la storia del Napoli nel museo della mostra Maradona alla stazione della cumana di Napoli. C’è voluto tutto l’affetto dei tifosi per consolarlo ma ora una nuova amarezza.

Lo sfogo di Renica su Facebook

A corredo del cartello colorato Renica scrive su Facebook: “Continua la macchina del fango su Diego per audience …e gettoni a tutti ..lo ha confermato il nano Chiambretti.. sempre offese a Diego e basta come è possibile? Sono sciacalli e vengono pagati”. Il riferimento è alla puntata accesa di ieri su Italia1 di Tiki-Taka dove in particolare Filippo Facci si è distinto per aver parlato male di Maradona.

Le reazioni dei tifosi sui social

Fioccano le reazioni dei tifosi del Napoli, che si schierano dalla parte di Renica: “Lo fanno perché sanno che Diego in campo era inarrivabile! E loro, per avere un briciolo di popolarità devono parlare, pur sapendo di essere ridicoli. Diego era e resterà in eterno il calciatore Più forte della storia” o anche: “non c’è nulla da meravigliarsi, Napoli e tutto ciò che gli gira intorno è sempre disprezzato”, oppure: “Concordo Alessandro abbiamo assistito a uno schifo totale, non capisco come a certe persone così razziste e cattive gli venga data la possibilità di sceneggiare sto schifo “.

Il profilo dell’ex giocatore viene preso d’assalto dai followers: “Sono abituata a sentire offese come Napoletana. Ma si è superato il limite dell’indecenza”. C’è chi chiede l’intervento del club: “La società Calcio Napoli dovrebbe tutelare la memoria di Diego assieme al comune di Napoli, per quello che il nostro campione ha dato a noi napoletani e alla Citta. Querelare chiunque offende e vilipendia la memoria di Diego” e infine: Alessandro perché non invitano te e altri compagni di squadra per parlare di Diego? Perché a loro non interessa minimamente la realtà, ma devono fare audience e soprattutto fomentare il razzismo nei confronti di Napoli e del sud”.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...