Virgilio Sport

Roma, Mourinho sfida l'Atalanta: "A Bergamo per vincere"

Mourinho ha parlato così alla vigilia del match con l'Atalanta: "Squadra di qualità, capiremo se siamo alla loro altezza".

Pubblicato:

Roma, Mourinho sfida l'Atalanta: "A Bergamo per vincere" Fonte: Getty Images

Il tempo nel calcio è una componente fondamentale, per creare qualcosa di duraturo e vincente. ne è convinto José Mourinho che, nella conferenza di vigilia del match tra Atalanta e Roma, mette molto in risalto quanto il percorso dei bergamaschi sia più avanti di quello giallorosso proprio a livello di tempistiche.

Una presa di coscienza che tuttavia non frena le ambizioni del portoghese, convinto di poter fare risultato su un campo difficile come quello di Bergamo. Uno step importante in caso di vittoria e non un addio ai sogni europei in caso di sconfitta.

“C’è una differenza fondamentale tra me e Gasperini: lui lavora da sei anni all’Atalanta, io da sei mesi alla Roma. Significa anche non solo tanti allenamenti, ma dodici finestre di mercato contro una. Loro sono una società fantastica, molto stabile. Li avevo conosciuti come una squadra di metà classifica, ora sono da Champions League e che gioca per vincere lo Scudetto. Noi abbiamo una proprietà nuova che secondo me sta facendo un lavoro fantastico. L’allenatore è qui da sei mesi e il mercato è stato reattivo. C’è una differenza significativa tra le due società, ma c’è una cosa su cui non ho dubbi: noi possiamo vincere “.

“Smalling è recuperato e può giocare senza problemi, mentre Ibanez non è al meglio. Per me Zaniolo sta giocando bene, non parlo del ruolo specifico. Ha una buona mentalità, ma sono contento e i numeri sembrano strani. Non ha fatto un gol in Serie A, ma io sono contento. I gol arriveranno, ma bisogna lasciarlo tranquillo “.

“Non voglio giocare con questo in testa, pensando di vincere per avere speranza Champions o il contrario. La sfida domani non è se possiamo o non possiamo, la sfida è vedere se possiamo giocare contro una squadra di grande qualità “.

“Contro lo Spezia nel secondo tempo abbiamo sofferto perché abbiamo perso troppo facilmente la palla e se ci fossero stati giocatori di un livello superiore forse non avremmo vinto. Dico quindi che ovviamente i loro trequartisti sono forti, non importa chi gioca, ma io sono concentrato su di noi e non possiamo perdere facilmente la palla come abbiamo fatto. Dobbiamo gestire meglio i ritmi di gioco, ieri abbiamo lavorato su questo, dobbiamo avere più sicurezza sul possesso palla”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...