Virgilio Sport

Sampdoria, la protesta dei tifosi contro Massimo Ferrero e l’offerta di Andrea Radrizzani per ripartire

Nuovo rifiuto del Trust Rosan (che controlla le azioni della Sampdoria) ad una proposta di compravendita del club blucerchiato. Tifosi riuniti a Corte Lambruschini per protestare

Pubblicato:

Ogni qual volta si apre uno spiraglio, in casa Sampdoria, sistematicamente si chiude entro poche ore. E, quasi sempre, questo coincide col rifiuto di Massimo Ferrero alle offerte delle cordate in lizza per rilevare il club blucerchiato, estinguerne i debiti e rilanciarlo verso lidi migliori rispetto a quelli in cui sta navigando.

Ferrero, altro No a una proposta di cessione della Samp: cosa sta succedendo

Due i potenziali compratori, Alessandro Barnaba (manager ex Jp Morgan) da una parte e Andrea Radrizzani – presidente del Leeds United e fondatore del gruppo televisivo Eleven Sports, che insieme al socio Matteo Manfredi, attraverso il fondo Gestio Capital, ha fatto la sua proposta in un secondo momento. Tuttavia, anche questa è stata rispedita al mittente. Lo stesso Manfedi ha commentato:

“Un no incomprensibile, che mette a repentaglio il futuro immediato della società, ma che non ferma la nostra volontà di perseguire l’obiettivo di dare un brillante futuro alla Sampdoria”.

Secondo quanto trapela, infatti, la proposta avanzata al Trust Rosan che ha in mano le azioni della Sampdoria sarebbe inferiore a 30 milioni di fronte a una richiesta di circa 33.

Sampdoria, Manfredi incredulo: “Rifiuto incomprensibile da parte di Ferrero”

Nel suo comunicato ufficiale, Manfredi ha poi aggiunto:

“L’accordo che abbiamo definito con il Cda della Sampdoria prevede una esclusiva ed è stato raggiunto anche grazie alla stretta collaborazione con diversi azionisti di minoranza. Questo a dimostrazione di un ampio consenso riguardo alla proposta. I capitali necessari a concludere l’operazione siano già disponibili. Il nostro impegno è quello di garantire la stabilità finanziaria del club e in particolare, di tutelare gli interessi dei creditori con un occhio di riguardo per quelli di piccole dimensioni. Questa offerta rappresenta un importante distacco dalla proprietà precedente e certifica una chiara volontà di preservare il blasone e la tradizione della Samp. Il nostro piano, che prevede una crescita seria e sostenibile, è già in fase di elaborazione e stiamo impostando il nostro lavoro pianificando investimenti tali da permettere al club di tornare ai livelli di eccellenza che merita, ma il tempo è molto molto limitato”.

Samp, la protesta dei tifosi e le considerazioni di Radrizzani

Nel frattempo, ieri, alla seconda assemblea dei soci, ha presenziato anche un gruppo di tifosi in protesta davanti alla sede del club a Corte Lambruschini. Radrizzani, infine, ha aggiunto:

“E’ fondamentale agire rapidamente poiché ogni giorno di attesa comporta ritardi ed il conseguente pericolo di penalizzazioni a carico del club. La Sampdoria rischia di subire una perdita di punti o addirittura di non essere iscritta alle competizioni. Pertanto, è imperativo che tutte le parti coinvolte si concentrino sull’obiettivo comune di garantire un futuro solido per il club. Siamo realmente dispiaciuti e contrariati che la nostra offerta sia stata strumentalizzata per soddisfare esigenze altrui o per riaprire tavoli negoziali. Vogliamo sottolineare che abbiamo lavorato instancabilmente, in modo discreto e rispettoso della dirigenza e della squadra, per assicurare la continuità di questo club. Il nostro impegno è guidato dalla passione per il calcio e dalla volontà di portare risultati positivi. C’è profondo orgoglio nel mettere a disposizione la nostra esperienza e la nostra reputazione, avendo scelto di investire e mettere la nostra faccia a Genova”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...