Virgilio Sport

Serie A, Inter: la rinascita di Christian Eriksen

La caduta prima della risalita trionfale. Questa è, fino a questo momento, la parabola nerazzurra di Eriksen, giocatore talentuoso ma inusuale per la Serie A.

Pubblicato:

Serie A, Inter: la rinascita di Christian Eriksen Fonte: Getty Images

Il fantasista Christian Eriksen, arrivato all’Inter nel gennaio 2020 come il coronamento della crescita nerazzurra, sta iniziando a mostrare il suo vero potenziale solo ora, un anno e due mesi dopo. A parte alcuni exploit iniziali, non ha mai goduto della piena fiducia di Antonio Conte, che lo giudicava tropp ofrivolo e inadatto al ruolo che svolgono le sue mezze ali, tutte intensità, sostanza e inserimenti. Ora, però, sempre che il vento sia cambiato. Il suo minutaggio cresce di settimana in settimana e sembra finalmente che Eriksen sia riuscito a prendersi l‘Inter.

l fantasista danese ha rilasciato un’intervista a Tv2 Sport per parlare della sua rinascita all’Inter:

“È stato l’anno più duro e impegnativo, Ma ora mi sento come se fosse arrivato il mio momento. Quando dicevo certe cose, non volevo intendere che volessi scappare in qualche modo. Volevo davvero lottare per il mio posto, cosa che ho sempre dovuto fare. Ero sicuro che se fosse arrivata la mia occasione, probabilmente avrei provato a coglierla. Sento di averlo fatto anche io. È stato però un periodo mentalmente difficile. Sono venuto a giocare a calcio, e quando non ti è stato permesso di farlo, è stato fastidioso. Fuori dal campo, però, tutto procedeva comunque per il meglio: Milano è una bella città e la famiglia si trova bene. È stato solo sul manto erboso che mancava qualcosa”.

Nonostante non si senta deluso delal scelta nerazzurra dell’anno scorso, Eriksen confessa che solo ora si sente davvero felice in quanto riesce a giocare di più e contribuire ai successi della squadra:

“Essere un giocatore dell’Inter è sempre stato divertente, è sempre stato bello, ma ovviamente al momento è più bello visto che posso giocare di più. È un grande, bellissimo momento per essere un giocatore dell’Inter. Sono stato davvero bravo a chiudere tutte le voci fuori e concentrarmi davvero. Per tantissimi giorni, dopo l’allenamento e le partite, mi sono fermato ad allenarmi di più. Sulle punizioni, i tiri in porta o altre cose, proprio perché ho avuto la possibilità di allenarti molto di più, visto che non giocavo”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...