Virgilio Sport

Serie A, Juventus: Andrea Pirlo difende Cristiano Ronaldo

Un Pirlo visibilmente deluso parla coi giornalisti, rispondendo a domande su Dybala, Arthur e Cristiano Ronaldo.

Pubblicato:

La Juventus di Andrea Pirlo non riesce ad andare oltre l’1-1 in casa della Fiorentina di Iachini. Al gol di Vlahovic (pazzesca stagione per il serbo, che è a quota 17 gol in questo campionato, e l’ultimo giocatore straniero della Fiorentina a fare meglio in una stagione in Serie A è stato Gabriel Batistuta , con 23 gol  nel 1999/2000) ha risposto il gol di Alvaro Morata, che evita ai bianconeri una bruttissima sconfitta e l’allontanamento dalla zona Champions. A dimostrazione della sua pessima forma, la Juventus ha vinto solo una delle ultime sei trasferte in Serie A (3N, 2P), senza mai tenere la porta inviolata nel parziale.  

In conferenza stampa, Andrea Pirlo non è davvero per nulla soddisfatto della prestazione dei suoi:

“Bruttissimo primo tempo, era una gara fondamentale per la corsa alla Champions, eravamo sempre in ritardo e poco aggressivi. Nel secondo tempo un po’ meglio”.

Paulo Dybala, tornato finalmente a disposizione di Pirlo, non ha fatto una bella partita ed è stato poi sostituito. Tuttavia, il periodi come questo, anche innocue sostituzioni danno il via a supposizioni, e dunque è stato chiesto il motivo di tale sostituzione:

“Dopo l’infortunio di Danilo abbiamo cambiato e provato a metterci a tre dietro con gli esterni più alti e con giocatori come Ramsey e Dybala tra le linee ma non ha funzionato. Abbiamo deciso di mettere Morata per dare cambio passo, e così è stato. Dovevamo affrontarla in un altro modo. La difesa a tre non è andata bene, avevamo provato una cosa e ne è successa un’altra. In corsa l’abbiamo cambiata ed è andata meglio”.

Poi una cosa che molti pensano ma quasi nessuno dice. È vero che spesso Ronaldo risolve le partite, ma capita, come oggi, che crei non pochi problemi alla squadra. Molto diversa è invece la stagione di Álvaro Morata, che conta 18 partecipazioni nel torneo (nove gol, nove assist), ad una lunghezza dal suo record in una stagione nei top-5 campionati europei: 19 (15 gol, 4 assist) nel 2016/17 con il Real Madrid:

“Non ha fatto male, la gamba girava meglio di altre partite. Ha avuto qualche occasione ma nel complesso non ha fatto male. Abbiamo sbagliato ad interpretarla, loro tenevano la difesa alta e qualche attacco in profondità poteva starci e l’abbiamo fatto più nel secondo tempo. Sono andato dritto su Dybala perché sono giocatori diversi e Dybala lega più il gioco, la scelta l’ho fatta per quello”.

Essendo ormai a fine campionato, ci si chiede quanto il Pirlo di ora sia differente da quello che ha iniziato la stagione:

“E’ diverso perché le aspettative iniziali erano diverse e non ritengo di aver compiuto il lavoro come si voleva. Ogni partita che passa si impara qualcosa ma non sono contento e non penso lo sia nemmeno la società”.

Una considerazione finale vien fatta poi su Arthur, il grande acquisto estivo da 70 milioni (a bilancio) ma che è stato poco utilizzato in questo periodo, e in realtà in tutta la stagione:

“E’ stato messo un po’ ai margini non per errori ma per infortuni. Sta giocando nonostante una microfrattura alla gamba e ha giocato l’altro giorno, non può allenarsi regolarmente. Non sta in panchina per errori ma solo per la sua condizione da salvaguardare”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...