Virgilio Sport

Serie A, la classifica dei calciatori più cattivi

La graduatoria completa delle ammonizioni e delle espulsioni aggiornata alla dodicesima giornata: scopri anche le squadre più e meno corrette.

17-11-2019 11:20

Serie A, la classifica dei calciatori più cattivi

Chi sono i calciatori più “cattivi” del campionato? I nostalgici potranno ribadire con orgoglio che “non esistono più i Pasquale Bruno e i Paolo Montero di una volta”, ma anche i cattivelli di oggi non scherzano mica. Ce ne sono alcuni che in dodici giornate di campionato hanno già rimediato sei cartellini, praticamente uno ogni due partite. Scopriamo tutta la graduatoria.

I più ammoniti – Sono in due a occupare la prima posizione parziale, almeno per quel che riguarda le ammonizioni. E non sorprende che si tratti di due difensori. Mattia Bani del Bologna e Cristian Romero del Genoa (ma di proprietà della Juventus) hanno rimediato – appunto – sei gialli e hanno già scontato un turno di squalifica. Alle loro spalle c’è un nutrito drappello di cattivi, pardon di calciatori con cinque ammonizioni tra cui spiccano i milanisti Calhanoglu e Bennacer, il gioiellino della Fiorentina e della nazionale Castrovilli, l’esperto Danilo (ovviamente, quello del Bologna) e il soldatino dell’Atalanta De Roon. Completano la lista Cionek, Hernani, Igor, Jajalo, Okaka, Pellegrini del Cagliari, Pezzella, Pulgar, Becao e Tomovic. Curiosità: a quota quattro ci sono diversi azzurri di Mancini: Acerbi, Barella, Tonali e Zaniolo.

Gli espulsi – Meno nutrita, comprensibilmente, la lista dei sanzionati col rosso. In questo caso la prima posizione è occupata da un calciatore in solitaria: Davide Calabria. L’esterno del Milan è stato espulso in ben due circostanze (a Verona e sul campo del Genoa), curiosamente due partite in trasferta che i rossoneri sono riusciti a vincere comunque. Trentadue, invece, i calciatori che sono stati espulsi in una sola circostanza. Anche qui non mancano i big, da Koulibaly a Ribery, da De Paul a Ilicic, da Rabiot a Sanchez, per finire a Biraschi e Fazio.

La squadra più cattiva – Sin qui i protagonisti. Ma il calcio è sport di squadra: qual è il club più cattivo del campionato, almeno fino a ora? C’è una sola squadra al comando, abbastanza a sorpresa: il Milan. I rossoneri, guidati prima da Giampaolo e poi da Pioli, hanno rimediato 42 cartellini in 12 gare, di cui 37 gialli e 5 rossi. Subito dietro c’è il Bologna a quota 41: 39 ammonizioni e 2 espulsioni. Terza posizione per la Spal con 38 (37 più 1), quindi Genoa, Fiorentina e Lazio a 34, Lecce e Cagliari a 33, Roma a 32. Inter e Napoli si dividono la tredicesima posizione con 29 cartellini, la Juventus è terzultima con 26 (25 gialli e un rosso, Rabiot contro il Genoa).

E la più buona – Quali sono, infine, le squadre più “buone del campionato? Atalanta e Parma con appena 24 cartellini, gli orobici però con due espulsioni. Proprio i ducali insieme a Cagliari e Sassuolo sono le sole squadre che non hanno ancora subito rossi in questa stagione, ma va sottolineato per dovere di cronaca come i neroverdi emiliani abbiano giocato una partita in meno, visto che il match contro il Brescia è stato spostato a dicembre per la scomparsa del presidente Squinzi.

Leggi anche:

Caricamento contenuti...