Virgilio Sport

Allarme su Mondiali calcio femminili: sparatoria ad Auckland, almeno tre morti

Sparatoria nella città che ospiterà la Coppa del Mondo femminile. La Fifa rassicura sul regolare svolgimento della manifestazione

20-07-2023 10:38

Ylenia Cucciniello

Ylenia Cucciniello

Football Specialist

Giovanissima e appassionatissima di tutto lo sport: scrive di calcio giocato ma non rinuncia allo sguardo sull'extra campo, dove spesso si trovano risposte che il rettangolo verde non riesce a restituire

Colpo di scena ad Auckland. Nella più grande città della Nuova Zelanda, dove oggi ha avuto inizio la nona edizione dei Mondiali femminili, è andata in scena una sparatoria a poche ore dal fischio d’inizio della gara inaugurale tra Nuova Zelanda e Norvegia. Si contano tre vittime, tra cui lo stesso uomo armato. In tal senso, la Fifa ha rassicurato tifosi e appassionati circa il regolare svolgimento della manifestazione.

Mondiali Femminili: cosa è accaduto in Nuova Zelanda

Ore di apprensione ad Auckland, dove le nazionali femminili di calcio, alle prese con la Coppa del Mondo, hanno dovuto far fronte a un terribile episodio avvenuto in una delle strade trafficate della città. Di fatto, un 24enne armato sarebbe entrato in un cantiere e avrebbe aperto il fuoco: sono tre le persone rimaste uccise, mentre ancora non è stato definito il numero dei feriti, tra cui anche un agente di polizia.

Sparatoria in Nuova Zelanda: Fifa e polizia locale rassicurano

Dopo il terribile episodio sono immediatamente arrivate parole di conforto da parte del sovrintendente della polizia Sunny Patel, che ha dichiarato si trattasse di “un caso isolato e che non crea rischi per la sicurezza nazionale”, pur comprendendo che “ciò che è accaduto è allarmante e stiamo rassicurando il pubblico che l’incidente è stato contenuto”. Inoltre, ha concluso dicendo che “il Mondiale Femminile si svolgerà come previsto”, dato il contatto regolare tra governo e Fifa.

Anche la Fifa ha rassicurato l’ambiente: “Siamo in costante contatto con le forze dell’ordine. Le Nazionali che alloggiano vicino al luogo della sparatoria sono state contattate e siamo pronti a fornire loro qualsiasi tipo di supporto del quale possano necessitare”. Dunque, in vista della sfida tra Nuova Zelanda e Irlanda, valida per la gara d’esordio del torneo iridato, attorno all’Eden Park sono stati rafforzati i controlli e le misure di sicurezza.

Chi è l’autore della sparatoria

Il responsabile della sparatoria è un uomo di 24 anni che era in detenzione domiciliare. A chiarire l’identikit di colui che ha aperto il fuoco è stato il commissario di polizia Andrew Coster: “L’individuo è noto per i suoi precedenti di violenza familiare”. Inoltre, l’ispettore ha sottolineato anche i problemi di salute mentale del soggetto che, però, era esente da un alto rischio di letalità.

Dunque, dopo aver messo in sicurezza la zona, ha avuto inizio il Mondiale di calcio femminile, con la sfida nel gruppo A proprio delle padrone di casa contro la Norvegia. Alle ore 12 si vola in Australia, con esattezza al Sydney Football Stadium, dove si proseguirà con il gruppo B con la sfida tra Australia e Irlanda.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Juventus - Frosinone
Cagliari - Napoli

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...