,,
Virgilio Sport SPORT

Allegri e quell'offerta da valutare: la rivelazione sul rientro

Giovanni Galeone, suo ex allenatore e amico, svela alla Gazzetta che sarebbe pronto a tornare e a occupare una panchina: che sia la Juve?

Ancora una volta Max Allegri e la Juventus. Dopo quanto avvenuto sul campo, la consapevolezza che quel progetto dietro cui si è barricato Fabio Paratici e, con lui, Pavel Nedved si stia sgretolando appartiene anche ai vertici della società.

Le rivelazioni di Galeone su Max Allegri

Come avvenuto in un recente passato sta a Giovanni Galeone, ex allenatore e mentore di Allegri, fissare i passaggi chiave e rivelare che cosa ci sia di fondato nel futuro del suo pupillo. Alla Gazzetta dello Sport, il maestro e grande amico di Allegri ha confermato il desiderio di tornare ad allenare:

“L’ho sentito un paio di giorni fa ed è certo di tornare a giugno, quindi avrà qualcosa in mano. Io non gli chiedo cosa e non voglio che me lo dica. Ma l’ho sentito molto deciso”.

Il ritorno alla Juventus per giugno

La domanda inevitabile è se questo momento avverrà presto e su una panchina di prestigio, come quella della Juventus:

“Rapporti ottimi. Anche quando si sono lasciati con il presidente non c’erano stati attriti. Si sono sentiti anche l’anno scorso più volte,
non si sono abbandonati completamente. Non so se il suo ritorno sia possibile e non so in quali condizioni. Ma non lo escluderei a priori. Se me lo avesse chiesto un anno fa l’avrei escluso. Ora no”.

Gli errori sul mercato della Juve

Galeone non cela le proprie perplessità rispetto all’operato della dirigenza bianconera, più che sulle difficoltà del neo tecnico, Andrea Pirlo, che da queste parole sembra reputi quasi incolpevole:

“Se notate da quando è andato via i primi ad essere ceduti sono stati uomini che lui faceva giocare sempre: Matuidi, di cui era innamorato, Khedira, professore di calcio, che non sbagliava un movimento o un inserimento, Emre Can. Probabilmente avrebbe fatto altre scelte, anche se Ramsey, Arthur, Rabiot non sono da discutere. Il problema è schierarli al meglio, definire un modo di stare in campo”.

Obiettivo Champions

L’ultimo, ma determinante obiettivo e per Pirlo e per la società anche da un punto di vista finanziario, rimane l’agognata Champions. Un risultato che, oggi, alla luce della classifica e dei punti di scarto così ridotti, potrebbe rivelarsi arduo:

“Vediamo come finisce il campionato: la Juve ha la fortuna che la Roma contro le prime sette fa pochissimi punti, se no sarebbe in zona Champions. E con il Napoli, l’Atalanta e il Milan, i bianconeri avrebbero avuto problemi a entrare nei quattro, di questo passo. A fine stagione andranno fatte delle scelte definitive e decisive per dare un nuovo profilo alla Juve, se vuole arrivare a questa benedetta Champions”.

VIRGILIO SPORT | 06-04-2021 09:42

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...