,,
Virgilio Sport SPORT

Arbitro vittima di revenge porn: la denuncia social di Diana di Meo

Shock nel mondo del calcio, l'arbitro abruzzese 22enne vittima di revenge porn: "Sono stati fatti e divulgati video a mia insaputa. Sono stata giorni rinchiusa in casa".

22-01-2022 09:45

Luca Fusco

Luca Fusco

Giornalista

Giornalista multimediale che racconta tutto quello che vede, dallo sport allo spettacolo, in qualsiasi formato: radio, tv, web, carta stampata, c’è di tutto nella sua esperienza. Per Virgilio Sport segue i Motori, il Calcio e i suoi protagonisti, sempre con occhio critico e a volte… spietato

L’infamia del revenge porn colpisce anche il mondo del calcio. Diana di Meo, giovane arbitro donna 22enne, abruzzese della di Pescara, ha denunciato con un lungo video su Instagram la circolazione, senza la sua autorizzazione, di alcuni suoi video privati a luci rosse che in queste ore stanno diventando virali soprattutto sui canali Telegram e Instagram.

Chi è Diana di Meo vittima di revenge porn: la sua denuncia

Diana di Meo, ventiduenne, è arbitro della sezione di Pescara e nel contempo studia Servizi Giuridici per l’Impresa.  Sul suo profilo Instagram, seguito da quasi 100mila followers, si diletta di tanto in tanto a fare l’influencer. Ma nell’ultimo suo video/post ha voluto denunciare il revenge porn di cui è vittima in queste ore.

Stanno girando dei miei video privati su Telegram e Whatsapp, video non condivisi da me e alcuni di essi fatti a mia insaputa. Ho sporto denuncia, stanno rintracciando i colpevoli e chi si occupa della condivisione dei video, perché anche questo è un reato da codice rosso. Ho denunciato tutto sui social per farmi forza, perché erano due giorni che ero chiusa in casa. Chiusa con la paura di uscire, chiusa per non vedere nessuno, per non incontrare gli sguardi di chi mi conosce o di imbattermi in estranei. Ho parlato per farmi forza“.

E ancora, il giovane arbitro donna abruzzese prosegue nella sua denuncia. Nel video Di Meo fa anche riferimento al fatto che qualcuno sta provando a rubarle sia l’account Instagram che l’account Facebook.

“È una situazione che non auguro veramente a nessuno, sto cercando di resistere ma non tutti ci riescono: dobbiamo segnalare questi video, le persone che continuano a condividere queste cose. Io sono qui a parlarne, molti di noi non riescono a farlo e si nascondono. Spero di dare voce a tutte quelle vittime che vengono colpevolizzate, quando in realtà il colpevole è dall’altra parte dello schermo, che riprende o ‘si limita’ a condividere. Oggi la vittima sono io, domani potrebbe essere una persona vicina a chi magari adesso sta guardando i video e sorride. Non è mai colpa della vittima, ricordatevelo. Sempre a testa alta ragazzi, sempre”.

Il revenge porn su Diana di Meo, la solidarietà di Priscilla Salerno

In queste ore sono tanti gli attestati di stima, solidarietà e vicinanza che sono stati fatti, sui social e non solo, per Diana di Meo. Tra questi anche quello di Priscilla Salerno, l’attrice hard campana che da diverso tempo ha intrapreso una personale battaglia proprio contro il revenge porn. Diana l’ha ringraziata pubblicamente.

È stata carina e mi ha dato una speranza. Vediamo insieme cosa riusciremo a fare. Mi hanno chiamato anche altri del mondo dello spettacolo ed alcuni calciatori per esprimere la loro vicinanza“,

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...