Virgilio Sport

Atletica in lutto, è morto Malinverni: con Mennea, Zuliani e Tozzi scrisse la storia alle Olimpiadi di Mosca

A 65 anni si è spento un mito assoluto dell'atletica italiana, Malinverni conviveva da tempo con una malattia degenerativa

Pubblicato:

Lorenzo Marsili

Lorenzo Marsili

Sport Specialist

Giornalista pubblicista, redattore, divulgatore. E' una delle anime video del sito: racconta in immagini un evento e lo fa come pochi altri

Atletica azzurra in lutto, è morto Stefano Malinverni. Colpito da una malattia degenerativa, l’atleta che ai Giochi olimpici di Mosca del 1980 centrò un indimenticabile bronzo nella 4×400 con Mennea, Zuliani e Tozzi si è spento a 65 anni.

Addio a Stefano Malinverni

L’atletica e l’intero mondo dello sport italiano piangono Stefano Malinverni. Considerato tra i grandi del movimento azzurro, aveva 65 anni e conviveva da tempo con una malattia degenerativa. Era nato a Cinisello Balsamo il 14 maggio 1959 e dai campi Pino Dordoni di Sesto San Giovanni sotto la guida di Roberto Vanzillotta ha contribuito con il suo talento a portare in alto i colori dell’Italia.

Il palmares e i record di Malinverni

In carriera vinse cinque titoli italiani assoluti e fece segnare il record italiano juniores sui 400 metri con un 46”63 nel ’78 che resistette fino al 2005, oltre a quello nella staffetta 4×100 allievi stabilito nel ’76 con Mosconi, Zuliani e Grazioli, detenuto fino a maggio 2024. Agli Europei indoor arrivarono, invece, l’argento a Vienna nel ’79 e il bronzo a Grenoble due anni più tardi.

L’impresa di Mosca con Mennea, Zuliani e Tozzi

Tra le due affermazioni personali, lo splendido terzo posto alle Olimpiadi di Mosca del 1980 nella staffetta 4×400 che lo ha visto salire sul podio insieme a Mauro Zuliani, Roberto Tozzi e Pietro Mennea. Un quartetto che vedeva proprio Malinverni in veste di primo frazionista e che in batteria aveva già fatto segnare il record italiano con un 3’03″5 indimenticabile. La finale vide Mennea tagliare il traguardo 3 decimi prima della Francia, per un bronzo che valeva oro visto il dominio di Urss e Germania Est.

Il ricordo della FIDAL

A dare l’annuncio della scomparsa è la FIDAL, con una nota diffusa attraverso il proprio sito internet ufficiale: “Con Stefano Malinverni, uno dei talenti più cristallini dei nostri 400 metri ma anche personaggio carismatico dotato di una innata simpatia, se ne va un altro pezzo importante della nostra atletica”, si legge nel comunicato che si chiude con le condoglianze alla famiglia da parte del presidente FIDAL, Stefano Mei, del Consiglio Federale e di tutta l’atletica italiana.

Leggi anche:

Falkensteiner Hotel & Spa Jesolo

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...