Virgilio Sport

Bukayo Saka, la piccola, grande stella dell'Inghilterra che "procura felicità"

Saka, esterno dell'Arsenal, è una delle stelline dell'Inghilterra, a segno due volte con l'Iran. La carriera, le curiosità e i segreti sul suo conto.

27-11-2022 15:00

Rino Dazzo

Rino Dazzo

Giornalista

Giornalista per vocazione e innamorato di tutti gli sport, ha collaborato con numerose agenzie, quotidiani, radio e tv. Su Virgilio Sport scrive soprattutto di Calcio: esperto scandagliatore del mondo social dei tifosi, è diventato anche un “giudice” accurato delle sviste arbitrali

Gli sportivi italiani se lo ricordano bene. Bukayo Saka è il calciatore dell’Inghilterra che ha sbagliato il rigore decisivo nella finale di Euro 2020. Ipnotizzato da Donnarumma nel quinto e ultimo penalty della serie, quello che ha fatto esplodere di gioia gli italiani e sprofondare nello sconrto gli inglesi. Ma Saka è tanto, molto altro. In questa edizione dei Mondiali, ad esempio, è l’attaccante della nazionale di Southgate che sta impressionando di più. Una piccola, grande stella, capace di offuscare – almeno per il momento – un certo Harry Kane. 

Bukayo Saka, ruolo e caratteristiche tecniche

Per la verità, Saka gioca in un ruolo diverso rispetto al bomber del Tottenham. Lui è un attaccante esterno, abile con entrambi i piedi ma maggiormente a suo agio sulla fascia sinistra. Diversa è anche la squadra dove milita in Premier League: l’Arsenal, arcirivale degli Spurs. Trascinati dalle sgroppate e dai gol di Saka, i Gunners sognano a occhi aperti un titolo che manca dal 2004. Per ora, però, il sogno di Bukayo si chiama Mondiale.

Bukayo Saka, il significato letterale del suo nome

A proposito di Bukayo, il giovane attaccante è nato il 5 settembre 2001 a Londra da una famiglia originaria della Nigeria e il suo nome nella lingua yoruba significa letteralmente “che aggiunge felicità”. Il suo primo mito è stato papà Yomi, che si faceva in quattro per garantire ai figli un’infanzia dignitosa e che “mi ha dato l’insegnamento più grande: restare sempre umile”. Proprio il padre ha accompagnato il piccolo Saka nei primi passi della sua carriera calcistica, nel vivaio del Greenford Celtic, da cui lo ha ingaggiato l’Arsenal.

Bukayo Saka, la carriera e i primati stabiliti

Saka ha successivamente bruciato le tappe, diventando il primo calciatore classe 2001 a esordire nella Premier inglese, il primo gennaio 2019 contro il Fulham. Poi è diventato un punto fermo dei Gunners, al punto che nella passata stagione non ha saltato neppure una partita di campionato, stabilendo il suo primato di reti in Premier: 11. Quest’anno è già a quota quattro. E le grandi prestazioni con il club lo hanno reso pedina imprescindibile anche della nazionale.

Bukayo Saka e il razzismo: il precedente

Esperienza agrodolce quella di Saka con l’Inghilterra. Nella finale di Euro 2020 il Ct Southgate lo gettò in campo a pochi minuti dal termine insieme a Rashford per calciare i rigori: sbagliarono entrambi, finendo oggetto di insulti beceri e razzisti sui social. Risposta da campione, quella di Bukayo: “Sono stato diversi giorni lontano dai social media per trascorrere del tempo con la mia famiglia e riflettere su ciò che è successo nelle ultime settimane”, l’incipit del suo post su Instagram, seguito dai ringraziamenti per le tantissime persone che gli mostrarono solidarietà.

Leggi anche:

Caricamento contenuti...