Virgilio Sport

Roma, Ndicka dimesso dall'ospedale: svolgerà nuovi esami nella capitale. Ipotesi trauma toracico

I retroscena sul blitz di De Rossi negli spogliatoi e il successivo dialogo con Cioffi e arbitro. Le condizioni di Ndicka non preoccupano, è stato dimesso: il post.

Pubblicato:

Rino Dazzo

Rino Dazzo

Giornalista

Se mai ci fosse modo di traslare il glossario del calcio in una nicchia di esperti, lui ne farebbe parte. Non si perde una svista arbitrale né gli umori social del mondo delle curve

Dopo la grande paura, quando Evan Ndicka si è accasciato sul prato dello stadio di Udine al 72′ della gara con la Roma e i momenti concitati successivi al trasporto del difensore in barella negli spogliatoi, solo parzialmente resi meno angoscianti dal segno “ok” mostrato da Ndicka al momento di lasciare il campo, è stata esclusa l’ipotesi infarto e il giocatore è già stato dimesso per fare ritorno nella capitale, dove svolgerà nuovi controlli.

Come ha passato la notte Ndicka

La situazione è al momento tranquilla, così come la notte è stata trascorsa serenamente. Ndicka sta anche per essere dimesso. Gli esami effettuati nella mattinata hanno dato esito positivo e quindi il via libera per le dimissioni del difensore, che potrebbero arrivare già in serata. La direzione dell’Azienda sanitaria universitaria Friuli centrale ha reso noto che non è prevista la diffusione di bollettini medici, che saranno gestiti direttamente dall’AS Roma.

Ndicka appena portato negli spogliatoi era stato sottoposto a elettrocardiogramma, che aveva suscitato qualche dubbio sulla possibilità di disturbi cardiaci. Per questo motivo era stato trasferito d’urgenza all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine. Durante il trasporto, Ndicka è sempre rimasto cosciente. Prima di lasciare lo stadio, però, il difensore è riuscito a far conoscere le sue condizioni al tecnico De Rossi.

Il dialogo tra De Rossi e Pairetto e la sospensione

L’allenatore, infatti, si è precipitato negli spogliatoi per chiedere notizie dirette sullo stato di salute di Ndicka. Rientrato sul terreno di gioco, De Rossi ha avuto un breve colloquio col collega Cioffi, tecnico dell’Udinese, e con l’arbitro Pairetto. “I ragazzi non ce la fanno a giocare”, è la breve frase carpita a De Rossi dai microfoni di DAZN. Il tecnico è apparso visibilmente preoccupato e, visto anche l’immediato ok da parte dei friulani, il direttore di gara ha immediatamente sospeso la partita. Che riprenderà dal punteggio di 1-1, con la disputa degli ultimi 18 minuti di gioco più recupero. s

La Roma in ospedale da Ndicka: esclusa ipotesi infarto

Dopo la sospensione, la Roma ha raggiunto in pullmann l’ospedale per sincerarsi delle condizioni di Ndicka. Il difensore ha effettuato controlli anche non cardiologici, volti a chiarire l’origine del malore: il dolore al petto, in particolare, potrebbe essere stato causato da un colpo subito al 38′ del primo tempo. Successivamente Ndicka è rimasto coinvolto in altri scontri di gioco, al 21′ e al 25′ della ripresa, che potrebbero aver avuto un impatto sulla sua disavventura. La notizia importante è che i medici dell’ospedale di Udine hanno escluso l’ipotesi più temuta: quella di un infarto.

Ndicka dimesso, ora nuovi esami a Roma

Arrivano buone notizie da Udine. Il problema che ha accusato ieri Ndicka sarebbe dovuto a un trauma toracico con minimo pneumotorace sinistro e alla luce di queste novità il giocatore è già stato dimesso dall’ospedale ed è diretto a Roma, dove svolgerà altri esami medici.

Questo il comunicato ufficiale della società giallorossa: “Sono stati effettuati controlli cardiologici di primo e secondo livello risultati negativi per patologia cardiaca. Alla luce degli ultimi esami effettuati in mattinata il quadro clinico è compatibile per trauma toracico con minimo pneumotorace sinistro. Il calciatore è stato dimesso ed effettuerà ulteriori controlli a Roma. L’AS Roma vuole ringraziare per la grande professionalità e disponibilità la società Udinese Calcio, l’arbitro il sig. Pairetto, il pubblico presente allo stadio di Udine e il personale medico e sanitario dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine. Tutti insieme, in quei minuti concitati e di apprensione, abbiamo dimostrato i valori dello sport e messo al primo posto la salvaguardia della vita”.

Tags:

Leggi anche:

Club Med

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...