Virgilio Sport

Nole Djokovic lascia Goran Ivanisevic senza fornire spiegazioni: il post della separazione clamorosa dall'artefice del suo successo

Annuncio quasi improvviso con cui il numero 1 saluta il coach che gli ha regalato primati, successi e ancora il numero 1 del ranking mondiale nell'era di Sinner e Alcaraz

Pubblicato:

Elisabetta D'Onofrio

Elisabetta D'Onofrio

Giornalista e content creator

Giornalista professionista dal 2007, scrive per curiosità personale e necessità: soprattutto di calcio, di sport e dei suoi protagonisti, concedendosi innocenti evasioni nell'ambito della creazione di format. Un tempo ala destra, oggi si sente a suo agio nel ruolo di libero. Cura una classifica riservata dei migliori 5 calciatori di sempre.

Il loro connubio pareva indissolubile, invece in una fase di profondi mutamenti che Nole aveva palesato (a modo suo) con un linguaggio unico, nello scenario del tennis e dello sport mondiale, ha fornito uno spunto di riflessione sull’era dei Big 3 e del suo team che tanto ha dato sia a Djokovic, sia al tennis moderno.

L’annuncio, nell’era social, è arrivato attraverso la piattaforma prediletta dal numero 1 del ranking mondiale. Goran Ivanisevic, il vincitore di Wimbledon e suo coach dall’anno 2018, ha interrotto il suo rapporto professionale con il numero 1.

La fine tra Djokovic e Ivanisevic

Un post pubblicato su Instagram in cui mancano i dettagli più interessanti, ragionati e profondi di questa scelta che mette in evidenza lo strappo tra Goran Ivanisevic, un campione assoluto della sua epoca che rispondeva solo al presente e vantava una delle battute più potenti del circuito. Un campione vero, capace di vincere sull’erba di Wimbledon nei match più emozionanti degli ultimi 20 anni.

Il croato più talentuoso con la racchetta che ha deciso di mettere a fattor comune il bagaglio di certezze acquisite e i suoi colpi con il serbo più forte di sempre, con la racchetta.

“Io e Goran abbiamo deciso di smettere di lavorare insieme qualche giorno fa. La nostra chimica in campo ha avuto i suoi alti e bassi, ma la nostra amicizia è sempre stata solida come una roccia”, si legge.

Il post su Instagram

Il campione serbo ha scelto due foto per congedarsi dal coach: la prima in cui i due giocano a Parchisi, la seconda vede Nole e Goran quasi in lacrime dopo uno dei tanti trionfi insieme.

Djokovic e Ivanisevic hanno incominciato la loro collaborazione nel 2018, quando Djokovic era già il protagonista assoluto della scena tennistica:

“Io e Marian (Vajda, ndr.) stavamo cercando di innovare e portare un po’ di magia al nostro duo. E, infatti, con Ivanisevic non solo abbiamo migliorato il servizio, ma anche portato tante risate, divertimento, classifiche di fine anno numero 1, traguardi da record e altri 12 Grand Slam (e qualche finale)”. Solo pochi mesi addietro, prima di questo annuncio, Nole aveva speso parole di elogio e anche polemiche per via del mancato riconoscimento a Ivanisevic del premio di Coach of The Year nel 2023.

La polemica

Un’azione di disturbo nei riguardi dei coach che avevano ricevuto questo riconoscimento, ovvero Darren Cahill e Simone Vagnozzi? Un omaggio al suo allenatore quando era già stato pianificato un lungo addio, nei riguardi di Goran e forse anche del tennis così come è stato vissuto fino a questo momento, fino a questa stagione?

Di certo sono state frasi non certo gentili nei riguardi di Jannik Sinner e del suo staff, che ha dimostrato di essere un team focalizzato e compatto verso un risultato ancora da centrare, stando al progetto costruito attorno a Jan.

Fonte: ANSA

Ivanisevic con Nole

Su Instagram, Nole ha pubblicato post molto riflessivi che lasciavano intendere che fosse in una pausa di riflessione ma senza anticipare alcuna scelta, anzi. Adesso che Miami è alla sua seconda settimana e il ritorno in campo di Djokovic è previsto a Montecarlo dall’8 aprile, oltre ai consueti quesiti bisognerà comprendere chi sarà al suo fianco a guidare e a rinsaldare un primato che Carlos Alcaraz ha già messo in discussione.

Il futuro a Montecarlo

E allora non potrà tergiversare: il quadro dovrà essere chiarissimo, anche sul versante dell’individuazione dell’erede di Ivanisevic e della sua linea che ha giocato, e non poco, a prolungare la carriera del numero 1 e del suo primato nel ranking ATP.

Leggi anche:

Club Med

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...