,,
Virgilio Sport SPORT

F1, Ferrari e Mercedes hanno fretta: decisione per il Gp Austria

In vista dell'inizio del Mondiale di Formula 1, i team di Maranello e Brackley scenderanno in pista anticipatamente

Manca meno di un mese all’inizio del Mondiale di Formula 1. Scuderie e piloti mordono il freno, al pari degli appassionati e dei tifosi, per poter finalmente scendere in pista e dare inizio a questo campionato che il coronavirus ha messo a rischio. Ferrari e Mercedes non vogliono lasciare nulla al caso. Per questo hanno preso la decisione di anticipare il ritorno in pista, prima ancora del 3 luglio, data delle prime libere del Gran Premio d’Austria.

Test Ferrari e Mercedes per il Gran Premio d’Austria

E’ stato lo stesso sito ufficiale della F1 a comunicare che Ferrari e Mercedes hanno messo in calendario, la settimana prossima di effettuare dei test privati in vista dell’inizio della stagione, al Red Bull Ring, nel primo week end di luglio. Per quanto riguarda le stelle d’argento ci sono anche le date: martedì 9 giugno scenderà in pista Valtteri Bottas mentre mercoledì 10 toccherà al campione del mondo Lewis Hamilton. Il test della scuderia tedesca sarà a Silverstone.

Si sa meno invece della Ferrari che però dovrebbe girare sulla pista di casa di Fiorano. Anche il cavallino rampante alternerà i due piloti: un giorno per Vettel e uno per Leclerc.

Ferrari e Mercedes, regole test extra: monoposto 2018 e non solo

Non si tratta però di test ufficiali. Quelli di Barcellona a febbraio resteranno gli unici di questa travagliata stagione. La F1 però dà la possibilità alle scuderie, oltre ai filming day (pochi km in realtà per gli spot), di effettuare delle prove e delle simulazioni ma usando monoposto del recente passato, almeno due stagioni precedenti. Ed è quello che faranno Mercedes e Ferrari.

Hamilton e Bottas guideranno la Mercedes W09 che ha vinto tutto nel 2018. Leclerc e Vettel invece gireranno con la SF71H dello stesso anno. Ma c’è di più: le gomme in dotazione per questi test non saranno le mescole della Pirelli per il Mondiale di F1 bensì una mescola “demo” più simile a quella di una F2 che a una F1.

Il senso di questi test in F1

Probabile che nei prossimi giorni anche altri team, Red Bull su tutti, annunci test del genere. Ma la loro utilità? Sicuramente non sul fronte prestazionale visto che le monoposto sono vecchie, di almeno due anni e quindi non possono dare riscontri prestazionali di nessun tipo.

Questi test saranno più che altro utili ai piloti a togliere un po’ di ruggine accumulata in questi mesi di lockdown forzato al di là del loro impegno, chi più chi meno, al simulatore, vedi Leclerc con i videogame. Sessioni che saranno utili anche ai team per provare sul campo, o meglio nei box, le disposizioni della FIA anti-Covid per regolamentare il comportamento nei box ed in pit-lane di meccanici, piloti e personale.

In principio fu Lando Norris

Nè Mercedes, nè Ferrari. A battere Hamilton, Vettel e Leclerc in questa singolare “corsa” ai test privati è stato Lando Norris. Il pilota della McLaren infatti è già sceso in pista. Lo ha fatto in questi giorni al volante di una monoposto, una Carlin di F3, sua vecchia scuderia agli inizi della carriera, a Silverstone.

SPORTEVAI | 06-06-2020 08:00

F1, Ferrari e Mercedes hanno fretta: decisione per il Gp Austria Fonte: Ansa

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...