Virgilio Sport

F1 GP Austria 2023, Elkann: "La Ferrari sta migliorando". Ma Sainz polemizza col muretto

Le dichiarazioni dei principali protagonisti del GP d'Austria di F1. Elkann loda le prestazioni delle Ferrari, Verstappen parla del terzo titolo e Sainz critica le decisioni del muretto

02-07-2023 17:58

Luca Santoro

Luca Santoro

Giornalista

Esperto di Motorsport ma, più in generale, appassionato di tutto ciò che sia Sport, anche senza il Motor. Dà il meglio di sé quando la strada fa largo alle due o alle quattro ruote

Max Verstappen ha vinto il GP d’Austria di Formula 1, settimo trionfo in questo 2023 e quinta volta in carriera sul circuito di casa della sua scuderia. Sin qui, siamo all’ordinaria amministrazione a cui da alcune stagioni a questa parte ci ha abituato il pilota di Red Bull, capace di prendersi il bottino pieno dal fine settimana austriaco, tra pole ed anche giro veloce per umiliare non solo i rivali, ma anche il compagno di scuderia. Ma nel frattempo la Ferrari continua ad aprire dei piccoli e timidi varchi di luce, conquistando con Charles Leclerc la piazza d’onore (secondo podio in questo 2023 per il monegasco).

E se è vero che Sergio Perez è stato autore di una rimonta notevole che dal 15esimo posto lo ha proiettato al terzo, una menzione d’onore va fatta a Carlos Sainz, autore di una gara con il coltello tra i denti e in cui ha difeso non solo la sua terza piazza sino alla fine per poi cedere il posto all’imprendibile messicano di Red Bull, ma al contempo anche il podio di Leclerc da encomiabile gregario.

Verstappen: “Terzo titolo? Per ora non ci penso”

A David Coulthard Verstappen ha così analizzato a caldo la propria gara: “Penso che la cosa più importante per me sia riuscire a stare davanti e fare poi la nostra gara. Ovviamente durante la Virtual Safety Car abbiamo scelto di non rientrare, siamo rimasti fedeli alla nostra consueta strategia e la cosa è andata molto bene, così come tutti gli stint con tutte le gomme. Mi sono divertito”.

L’olandese poi ha risposto così all’ipotesi di un terzo titolo iridato: “Per ora non ci penso. Continuiamo a lavorare bene con questa squadra, abbiamo fatto un ottimo lavoro lungo tutto il fine settimana. Ora ci concentriamo su Silverstone”.

Elkann: “La nostra più bella gara della stagione, Ferrari sta migliorando”

Presente al circuito ex Spielberg anche il presidente Ferrari John Elkann, che ha definito la gara dei suoi “la più bella della stagione”. Sottolineando poi: “Assistiamo ad un progresso della macchina che mostra un miglioramento anche delle prestazioni dei piloti, e il loro umore è buono. Partire secondi e terzi in griglia, finire sul podio con Leclerc mentre Sainz ha tenuto dietro Perez, sono tutte cose ci incoraggiano. La Ferrari sta migliorando, questa è la cosa importante. Un passo alla volta bisogna fare sempre meglio. Il nostro spirito è questo, i nostri avversari ci stimolano a fare meglio, e non bisogna mai essere demoralizzati”.

Dopo questo slancio motivazionale, Elkann ha glissato sui rinnovi dei propri piloti: “Abbiamo altre priorità su cui focalizzarci. Godiamoci questo momento che dimostra quanto stiamo progredendo”.

La frustrazione di Sainz: “Non il risultato che volevo, non ho capito il comportamento del muretto”

Un po’ meno radioso Carlos Sainz. La sua gara, abbiamo detto, è stata da assalto con la baionetta, tanto da sostanzialmente richiedere nei primi giri la possibilità di poter sorpassare Leclerc, più lento (non l’ha messa in termini così diretti, ma il senso della volontà dello spagnolo era quello). Il muretto però ha risposto picche, facendo capire al pilota figlio d’arte di non scavalcare le gerarchie di gara.

Ad aumentare la frustrazione di Sainz anche la doppia sosta ai box per i piloti Ferrari una volta concluso il regime di Virtual Safety Car. Il tempo impiegato da Leclerc è stato superiore rispetto a quello dell’iberico, già alle prese con cinque secondi di penalità per infrazione dei limiti di pista. Ecco quindi che il figlio del campione WRC è dovuto ripartire dalla quinta piazza mentre il monegasco procedeva alle spalle di Verstappen.

Insomma, podio sfumato e un certo nervosismo da parte di Sainz, che come riportano i media si è così sfogato: “Non sono molto contento, sono frustrato. Avevo il passo per conquistare qualcosa di più di un quarto posto. Il P4 non era ciò che volevo. Stavo guidando bene. Quella sosta ai box mi è costata il podio. Dietro a Charles stavo risparmiando le gomme, ma mi è stato detto di seguire il piano della squadra, per poi essere penalizzato alla prima sosta. Devo rivedere la gara per capire e dovremmo analizzare cosa si sarebbe potuto fare diversamente. Mi rimane una sensazione di grande amarezza”.

Leclerc: “Ho ritrovato fiducia e passo”

Leclerc invece ha commentato: “Sono molto contento, sapevamo di dover mantenere il margine per spingere alla fine. Ho ritrovato la fiducia ed il passo, non potevo fare meglio di così. Abbiamo massimizzato il pacchetto, tuttavia c’è ancora del lavoro da fare, ma il passo avanti fatto è buono. È presto per parlare, ma stiamo progredendo nella giusta direzione. Aston Martin e Mercedes hanno fatto più fatica, non bisogna trarre conclusioni troppo presto. A me piace una vettura aggressiva che gira tanto col posteriore leggero, quando sono su condizioni miste bagnato/asciutto è un po’ più difficile da guidare. Devo analizzare meglio come rendere il miglior set-up della monoposto, troppo aggressiva per queste condizioni. Ma non sono preoccupato”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...