Virgilio Sport

F1, la Red Bull recidiva: distrutto anche il trofeo di Spa, il video è virale

Incredibile ma vero, in Belgio il trofeo della Red Bull è stato di nuovo distrutto come in Ungheria. Stavolta i video però inchiodano la scuderia di Verstappen e Perez

Pubblicato:

Luca Fusco

Luca Fusco

Giornalista

Giornalista multimediale. Quando si accendono i motori, lui sgasa, impenna, derapa. E spesso e volentieri finisce sul podio

Oramai un’abitudine. Quasi quanto le vittorie di Max Vestappen. Doppietta Red Bull a Spa. Non l’uno-due di Verstappen e Perez nel Gran Premio del Belgio, non il bis concesso da Super Max tra Sprint Race e gara. Bensì la rottura del trofeo diventato oramai un must, quasi una tradizione dalle parti del team anglo-austriaco.

Come in Ungheria uno dei trofei conquistati dal team di Milton Keynes è andato distrutto. E stavolta non c’entrano Piastri e la McLaren. La colpe è tutta dell’eccessiva foga dei meccanici delle “lattine”. Tutto ripreso anche in questa occasione dalle telecamere e diventato nel giro di poche ore virale sui social.

Red Bull l’ha rifatto: trofeo distrutto, cosa è successo a Spa

He Did It Again Red Bull. Destino beffardo, quasi incredibile. A una sola settimana dall’episodio dell’Hungaroring dove Lando Norris nel tentativo di stappare la bottiglia di spumante, sul podio, aveva fatto cadere e distrutto il trofeo di Max Verstappen, la Red Bull è protagonista dello stesso incidente, ma a Spa.

Stavolta è filato tutto liscio sul podio con Max, Perez e Leclerc che hanno festeggiato senza troppi eccessi alla fine del Gran Premio del Belgio vinto dal solito Verstappen. Il patatrac è successo dopo. In pit lane infatti c’è stata la festa Red Bull per l’ennesima vittoria della stagione, finora è 12 su 12 con tanto di doppietta. La foto corale di tutto il team però ha avuto un imprevisto.

Nel tentativo di evitare di essere bagnati dagli spruzzi di spumante di alcuni meccanici, parte del team, piloti compresi con Horner e Marko, si è messa a correre. Risultato? uno dei tre trofei vinti (primo, secondo e scuderia) in bella mostra per terra davanti a tutti per la foto di rito, è stato travolto ed è finito per cadere schiacciato dalla tabella dei tempi, rompendosi.

Red Bull e i trofei rotti: il patatrac in Ungheria

Mentre Verstappen in uno dei video diventati virali in rete dice proprio “L’abbiamo rotto di nuovo?!” impossibile non collegare l’episodio con quanto accaduto appena una settimana fa in Ungheria quando, come già detto, sul podio dell’Hungaroring, Lando Norris ha fatto cadere il trofeo della vittoria di Verstappen nel tentativo di stappare la sua bottiglia di spumante in modo un po’ estremo.

Fonte: imago

In attesa di capire a quanto ammonti il danno del trofeo rotto in Belgio e se ne verrà dato uno nuovo al team, anche in Ungheria la cosa era stata accolta tra risate e sorrisi. Salvo poi lasciare il campo a qualche polemica specie per il costo molto alto, circa 40mila euro di quel trofeo, frutto di alto artigianato locale e del lavoro di diversi artigiani ungheresi. C’è da augurarsi che la F1 in generale abbia più rispetto del contorno. La Red Bull ha vinto e vincerà ancora tanto ma non è certo questo il modo migliore di festeggiare…

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...