Virgilio Sport

Fiorentina-Milan, la moviola. Focus sulla svista di Di Bello e sul rigore

La prova del fischietto pugliese al Franchi vivisezionata ai raggi X dall'esperto di Dazn Luca Marelli

05-03-2023 08:27

Fabrizio Piccolo

Fabrizio Piccolo

Giornalista

Nella sua carriera ha seguito numerose manifestazioni sportive e collaborato con agenzie e testate. Esperienza, competenza, conoscenza e memoria storica. Si occupa prevalentemente di calcio

Fosse stato ancora presidente del Milan chissà se anche stavolta Berlusconi avrebbe volutamente storpiato il nome di Di Bello, chiamandolo Di Brutto, come fece a inizio stagione dopo l’arbitraggio del fischietto brindisino in Monza-Udinese. Di certo non è stata una serata felice quella di ieri al Franchi per Di Bello in Fiorentina-Milan. Sembrava una designazione blindata per una gara di prima fascia ma non tutto è andato liscio nel match che ha visto i viola imporsi per 2-1.

Fiorentina-Milan, Di Bello ha ammonito sei giocatori

Assistito da Mokhtar e Palermo; con quarto uomo Sacchi mentre al Var c’erano l’internazionale Di Paolo e Zufferli, Di Bello ha ammonito sei giocatori (tre per parte): 11’ Thiaw, 29’ Cabral, 35’ Messias, 59’ Ikoné, 70’ Nico Gonzalez, 80’ Kalulu.

Fiorentina-Milan, i precedenti con le due squadre

Erano positivi i precedenti del Milan con Di Bello: 10 vittorie, 2 pareggi e 3 sconfitte il bilancio delle 15 gare con solo 2 rigori concessi. Negli 8 precedenti con l’arbitro di Brindisi la Fiorentina invece aveva collezionato 4 vittorie, 3 pareggi e una sola sconfitta.

Fiorentina-Milan, i casi da moviola

Questi i casi più discussi. All’11’ Thiaw perde palla e stende Cabral al limite dell’area: giallo per il difensore del Milan e punizione per la Fiorentina, nonostante qualche timida protesta il contatto si concretizza appena fuori dai 16 metri. Al 47′ rigore per la Fiorentina: Tomori atterra Ikoné in area, Di Bello non ha dubbi e assegna correttamente il penalty contro la squadra di Pioli.

L’episodio più clamoroso al 78′ : Di Bello – che era assai lontano dall’azione – fischia un inspiegabile rigore per il Milan per presunto fallo di mano di Cabral, richiamato dal VAR va all’on field review e corregge la decisione: l’attaccante della Fiorentina ha colpito il pallone nettamente con la testa. Nell’occasione ammonito Italiano per proteste.

Fiorentina-Milan, Marelli condanna Di Bello

A fare chiarezza è Luca Marelli. L’esperto di Dazn dice: “Il primo episodio è a inizio ripresa. Ikone prende il tempo a Tomori, che lo tampona. Nulla da eccepire, ci poteva stare il cartellino giallo per il difensore”.

Poi sul rigore prima concesso e poi negato al Milan rivela: “Il secondo episodio è un errore grave di Di Bello: è stato ingannato dal fatto che Cabral ha saltato col braccio sinistro alto e ha pensato avesse colpito col braccio. Bravo il VAR a richiamarlo subito, ma si tratta di un errore grave perché non si può fischiare in base a una sensazione”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...