,,
Virgilio Sport

Bargiggia trova l'errore di mercato della Juve, il paragone scatena il web

Paolo Bargiggia su Twitter sferza il mercato della Juventus prendendosela con l'acquisto di Di Maria, lodando invece l'ingaggio di Kvaratskhelia al Napoli

22-08-2022 16:29

Luca Santoro

Luca Santoro

Giornalista Sportivo

Giornalista pubblicista, già collaboratore per eventi sportivi internazionali nel campo del motorsport. Laureato in Teoria e Tecniche dell'Informazione, Master in Management dello Sport

Stasera la Juventus giocherà in casa della Sampdoria, galvanizzata dalla buona partenza di stagione contro il Sassuolo (vittoria per tre reti a zero) ma al tempo stesso tormentata dalla questione infortuni, che hanno colpito in particolare i colpi di mercato.

Allegri smorza sugli infortuni

Tra questi Angel Di Maria, tra i quattro titolari – assieme a Pogba, McKennie, Szczesny – che hanno tenuto banco questa estate per i loro guai fisici. In conferenza stampa prima del match di stasera il tecnico Allegri ha commentato al riguardo della sfilza di imprevisti cercando di gettare acqua sul fuoco: “Quando succede alla Juve viene giù tutto. Sembra il giochino con le carte, che se ne sfili una poi cadono tutte. Di Maria starà fuori una settimana o dieci giorni. Su Pogba e il suo menisco io non ci posso fare niente. Se a McKennie gli esce una spalla idem, non posso farci nulla. Szczesny? Ha un problema all’adduttore, ma abbiamo Perin che è affidabile. Gli infortuni fanno parte della stagione, non sono allarmato”.

Bargiggia all’attacco: “La Juve ha sbagliato, a differenza del Napoli”

Sul web però c’è chi ha voluto punzecchiare i bianconeri sul problema infortuni e soprattutto sulle scelte di mercato, puntando – è la tesi – su giocatori in là con gli anni ed usurati. Il giornalista Paolo Bargiggia, dalla penna affilata, ha tirato su Twitter una bordata nei confronti della Juve e sulla volontà di portare a Torino uno come Di Maria, facendo inoltre il confronto con il mercato del Napoli: “Chi sa fare mercato e chi no: la Juve prende Di Maria per un anno, anni 34 e lo paga 7.5 mln netti; circa 12 col Decreto Crescita [in realtà ufficialmente sono 6 milioni netti di base, come ha scritto Calcio&Finanza, estendibili a 7 con gli sgravi fiscali, ndr]. Il Napoli prende un fenomeno come Kvaratskhelia, anni 21 a 9 mln + 2 e gli da 1.2 mln netti di ingaggio. Dov’è l’errore? A Torino belli!”.

L’ascesa di Kvaratskhelia

Il Napoli appunto. La partenza dei partenopei è stata sontuosa, con il nuovo acquisto Kvaratskhelia che già aveva catalizzato l’attenzione dei tifosi nelle amichevoli estive, per poi segnare subito il suo primo gol con la maglia azzurra contro l’Hellas Verona e ripetersi poi nella seconda giornata con due centri contro il Monza. Il giovane georgiano potrebbe essere il colpo di prospettiva di De Laurentiis, che è andato a prendere l’ex Rubin Kazan ai confini dell’impero calcistico in una mossa che fino a qui si sta dimostrando azzeccata. E Kvaratskhelia ha pure dimostrato di saper interpretare il tiraggiro di insigniana memoria, come abbiamo visto con la rete del 3-0 nella partita contro il Monza.

I pareri pro e contro la tesi di Bargiggia

Bargiggia quindi sparge il sale sulla ferita di un male antico del calciomercato: pensare più al breve che al lungo termine, cercando il colpo mediatico dell’usato sicuro più che lo sconosciuto, però di prospettiva. E sul web si è ovviamente scatenata la bagarre. Cavallo Bianconero scrive sotto il tweet del giornalista: “Forse la Juve aveva bisogno di un giocatore pronto e di sicuro affidamento. Forse eh”. Gli risponde a stretto giro Mattia Cannone: “Ma Di Maria negli ultimi anni ha avuto una marea di problemi fisici di ogni tipo e dopo 60 minuti in cui aveva il fiatone è andato KO. Pogba dopo 45 minuti contro il Chivas la stessa cosa. Nessun dubbio sul loro valore ma l’integrità fisica è imbarazzante e il rischio è altissimo”.

Ancora, c’è chi posta meme ironici su una bacheca del Napoli ricca di trofei però solo morali (“Campioni morali, il primo tempo contro il City, Trofeo del bel giuoco, il possesso palla…”), mentre Lello Pinto ribatte: “Di Maria. Bargiggia atavico e storico anti Napoli scrive che c’é una squadra che sa fare campagna acquisti, Kvaratskhelia a 9+2 e 1,2 d’ingaggio, 21 ANNI. E la Juventus che prende a zero El Fideo a 7,5 mln già out. Apriti cielo! Dove sta l’infamia o l’incompetenza? Su Twitter!”.

V ci va giù pesante contro il giornalista: “A parte che dare le patenti di fenomeno alla seconda di campionato fa ridere per non dire altro; a parte che per ogni Kvaratskhelia ci sono 10 Elmas; ma per criticare un anno di contratto a un campione come DiMaria dopo che ha vinto una partita da solo bisogna essere Bargiggia”; critiche anche da Gianluca, che twitta: “Di Maria ne prende 5,5 netti, circa 10 SENZA DC avendo firmato per  un solo anno…e sul fatto che sia un fenomeno parlano 15 anni di carriera. Poi magari anche Kvara diventerà un fenomeno ma per il momento ha giocato 2 partite contro Verona e Monza…un po pochino per emettere sentenze”. Filippo Nania fa notare: “Pogba: preso a zero, rivenduto a 115 milioni e ripreso 6 anni dopo a zero. Sarà rotto? Può darsi, ma è una bella plusvalenza comunque”; ed infine chiudiamo con due commenti diplomatici, con Antonio che scrive: “Kvara e bravo e super promettente, ma piano coi giudizi alla seconda giornata Paolo, a fine campionato la scelta della juve potrebbe portare risultati. Poi non vi dimenticate di Chiesa” e Lucky Luciano che aggiunge: “Al momento il tuo ragionamento, Paolo, non fa una piega. Giusto, corretto, lineare. Però la storia insegna che i consuntivi si fanno a posteriori, che i paragoni devono basarsi su una buona serie di dati, e che le conclusioni si trattaggono sempre alla fine. Sempre alla fine”.

 

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...