Virgilio Sport

Juventus, slitta il consulto per il ginocchio di Pogba: la situazione

Il polpo bianconero spinge per la terapia conservativa, la Juve per l'operazione. In ogni caso, la risposta non sarà oggi.

Pubblicato:

La situazione legata al ginocchio di Paul Pogba continua a tenere in ansia tutto il mondo della Juventus. Infortunatosi al menisco laterale nel corso della tournée americana, il classe 1993 non ha ancora deciso come affrontare il suo recupero.

Di fronte ha tre opzioni, ma decisivo sarà il consulto che si sarebbe dovuto tenere oggi, ma che invece è slittato ancora una volta.

Pogba, slitta a domani il consulto col professor Bertrand Sonnery-Cottet

Il Polpo non ha voluto operarsi in America, perchè tenta ancora una strada che gli permetta di non saltare il Mondiale in Qatar, che tra l’altro giocherebbe da campione in carica.

Oggi Pogba è volato a Lione dal professor Bertrand Sonnery-Cottet, lo stesso che ha operato anche Zlatan Ibrahimovic, ma l’incontro per prendere una decisione definitiva sul suo ginocchio è alla fine slittato alla giornata di domani.

Un contrattempo per la Juventus, che ha fretta di sapere cosa ne sarà della stagione di Pogba, che rischia di essere seriamente compromessa nella sua totalità

Tre le strade che Pogba può intraprendere

Al momento, le soluzione che ha di fronte Paul Pogba sono tre: una non gradita alla Juventus ma al giocatore, le altre due apprezzate dal club.

Il primo sentiero conduce a una terapia conservativa, dunque aspettare che il menisco guarisca col tempo con appropriate terapie riabilitative ma non chirurgiche. Il problema è che, anche se si sono fatte previsioni più o meno accurate, al momento non è possibile prevedere l’efficacia di tale soluzione, che potrebbe risolvere il problema in breve tempo, ma anche trascinarlo per mesi e mesi e costringere Pogba a saltare sia la prima parte di stagione e sia il Mondiale, e inoltre rimarrebbe comunque a rischio operazione.

La strada chirurgica invece ha dei tempi più certi, ma ovviamente lo metterebbe a serio rischio di saltare la Coppa del Mondo in programma da metà novembre a metà dicembre in Qatar. Tuttavia, è la soluzione per la quale protende la Vecchia Signora, ovviamente.

La rimozione del frammento del menisco è invece stimata in circa 40-60 giorni per il recupero, dunque una tempistica accettabile considerando che il campionato inizia il 13 agosto.

La terza opzione, anch’essa chirurgica, sarebbe quella di suturare il menisco danneggiato. Questa sarebbe un’operazione molto invasiva, e che sicuramente terrebbe Pogba fuori almeno fino al 2023, ma permetterebbe una guarigione totale e sicura.

Juventus, tra mercato e valorizzazione della rosa

Cosa fare ora per la Juventus? I bianconeri continuano a cercare un metronomo e stanno puntando fortemente a Leandro Paredes del PSG, anche se l’operazione è davvero difficile.

Negli ultimi giorni è tornato di moda il nome di Milinkovic-Savic, ma ci sembra quasi fantamercato considerando a che punto siamo dell’estate e anche quanto è ostico Lotito nelle trattative.

Una possibilità sarebbe quella di puntare in massa sui giovani centrocampisti presenti in rosa, ossia Rovella, Fagioli e Moretti, unendoli a Locatelli e Zakaria. In questo modo si avrebbe comunque una mediana di qualità, senza andare a investire su qualcuno che, col ritorno di Pogba, sarebbe nuovamente un esubero.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Udinese - Roma
Inter - Cagliari
SERIE B:
Venezia - Brescia

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...