Virgilio Sport

Kylian Mbappé, ennesimo primato per il più ambito: il Real Madrid ha fretta e chiude, ma le insidie non mancano

Il numero uno del calcio contemporaneo avrebbe firmato con il Real: che cosa accadrà adesso, il suo ingaggio e i premi che potrà percepire

Pubblicato:

Elisabetta D'Onofrio

Elisabetta D'Onofrio

Giornalista e content creator

Giornalista professionista dal 2007, scrive per curiosità personale e necessità: soprattutto di calcio, di sport e dei suoi protagonisti, concedendosi innocenti evasioni nell'ambito della creazione di format. Un tempo ala destra, oggi si sente a suo agio nel ruolo di libero. Cura una classifica riservata dei migliori 5 calciatori di sempre.

Quel che riserva il futuro al giocatore totale, all’attore protagonista del calcio francese contemporaneo è cosa quasi del tutto delineata. La panchina che è stata riservata da Luis Enrique a Kylian Mbappé sabato scorso, contro il Nantes, è quanto ci si attendeva alla luce dei rumors che volevano come ormai per fatto e siglato il suo contratto con il Real Madrid.

Un accordo che avrà durata fino al 2029 con il club più importante e noto a livello planetario e che promette, con Carlo Ancelotti in panchina di soddisfare le ambizioni del giocatore.

La scelta di Mbappé

Mbappé, da giocatore magnifico quale è, è nella lista degli attaccanti da inserire in rosa da anni. Florentino Perez non ha mai celato la stima nei riguardi del calciatore e i tentativi effettuati, passati e più recenti, per convincere lui e soprattutto la madre a consentire che giocasse in Liga.

La coincidenza di obiettivi, stavolta, avrebbe favorito la realizzazione di questo sogno: Mbappé ha informato il PSG la scorsa settimana che se ne sarebbe andato in estate, con il suo contratto in scadenza.

E adesso lo spagnolo Marca ha riferito che Mbappé ha già messo nero su bianco il suo accordo per unirsi al Real Madrid due settimane fa, con il giocatore che “si è impegnato fermamente” con la squadra guidata dall’inarrivabile mister Ancelotti.

Un accordo di massima che garantisce il Real Madrid, che renderà il talento francese, stando a quel che riporta Mail Sport, il calciatore che guadagna di più del club, superando i 10,3 milioni di sterline a stagione versate a Jude Bellingham e Vinicius Junior.

Il Real Madrid e il Manchester City

Il Real Madrid pagherà anche una quota di ingaggio record, anche se non assimilabile al PSG, e aprirà trattative sulla percentuale dei suoi diritti di immagine che manterrà. Sempre che non salti tutto, come si sarebbe rischiato con l’inserimento del Manchester City che avrebbe manifestato il medesimo interesse nei confronti dell’attaccante e

I Blancos avevano contattato l’entourage del giocatore nei primi giorni del nuovo anno per chiedere se avesse ancora intenzione di unirsi al Real dopo le trattative tra i due campi dell’estate precedente, si dice, con Mbappé che aveva dato una risposta “positiva”. Ma all’inizio di febbraio il club ha aperto una trattativa di chiudere nel più breve tempo possibile, così da scansare i possibili contendenti.

Tra le speculazioni sulla sua potenziale uscita, il presidente del club del PSG, Nassr Al-Khelaifi, aveva precedentemente dichiarato che voleva che l’esterno rimanesse nel club, sostenendo che era la soluzione migliore per lui. Frasi che però non hanno escluso l’epilogo che sembra, ormai, scritto.

Fonte: ANSA

Mbappé al PSG dal 2017

La news di Cadena Ser

Una valutazione distante anni luce dal domino provocato dalla decisione di lasciare Parigi da parte di Mbappé: le proposte, stando alla radio spagnola Cadena Ser, sono diverse anche se ristrette alle società che possono sul piano economico permettersi un simile ingaggio. Una di queste sarebbe il Manchester City, secondo sempre Cadena Ser.

La radio spagnola ha svelato la presenza di uno dei suoi collaboratori più stretti nelle strutture dei Citizens, lunedì scorso, un giorno prima che Mbappé annunciasse al presidente Al Khelaifi la sua volontà di lasciare Parigi e il club, a fine stagione.

Un altro dei suoi rappresentanti, martedì scorso, è stato invece visto in Germania durante l’andata degli ottavi di Champions tra il Lipsia e il Real Madrid. Un amico di Kylian, ma anche di Tchouameni, centrocampista dei blancos e compagno di nazionale, che ha assistito all’incontro in tribuna vip.

I rapporti tesi con il PSG

Durante la sua permanenza a Parigi, il giocatore ha segnato l’incredibile cifra di 243 gol in 290 presenze con il club, segnando ieri sera il suo 44esimo gol in Champions League. I rapporti era tesi da tempo, da quando si palesò l’intenzione di guardare oltre la Senna e di esplorare campionati e opportunità differenti.

Mbappé ha scritto poi una lettera alla squadra parigina affermando che non avrebbe attivato una clausola di estensione di un anno nel suo contratto con il PSG che ha risposto, sostenendo di aver inflitto “una paralisi duratura al club”.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...