,,
Virgilio Sport SPORT

L'Inter è d'acciaio: Skriniar esalta Conte, l'Atalanta si arrende

La capolista soffre l'organizzazione della squadra di Gasperini, ma infila la settima vittoria consecutiva e mantiene inalterate le distanze da Milan e Juventus.

L’Inter prosegue nel suo 2021 d’oro infilando la settima vittoria consecutiva in campionato nel delicatissimo posticipo della 26a giornata contro l’Atalanta.

A San Siro la squadra di Antonio Conte soffre per larghi tratti della partita, ma porta a casa i tre punti grazie a una girata ravvicinata di Milan Skriniar all’11’ del secondo tempo al termine di un’azione confusa in area sugli sviluppi di un corner. Sarà, questo, l’unico tiro in porta dell’Inter in tutta la partita.

Grazie a questo successo l’Inter mantiene sei punti di vantaggio sul Milan e dieci sulla Juventus, che ha però una partita in meno, facendo anche sorridere Roma e Napoli, avversarie dirette dell’Atalanta per un posto nella prossima Champions League.

La squadra di Gasperini non esce comunque affatto ridimensionata dalla partita avendo anzi messo in mostra il suo consueto gioco fatto di aggressività e intensità attraverso il quale i bergamaschi cercheranno anche la difficile rimonta nel ritorno degli ottavi di Champions in casa del Real Madrid.

Nel primo tempo c’è quasi solo l’Atalanta il cui pressing altissimo impedisce all’Inter di costruire gioco da dietro. La capolista ha però l’umiltà di accettare il canovaccio tattico, difendendo compatta per poi provare a ripartire con rapidità.

Antonio Conte avverte la sofferenza dei suoi e si fa ammonire per proteste dopo pochi minuti. All’intervallo l’Inter avrà creato solo due occasioni, figlie peraltro di altrettanti errori difensivi dell’Atalanta, quando Romero spaventa Sportiello con un retropassaggio suicida sventato dal portiere addirittura di testa e al 25’ quando Djimsiti si fa prima scappare Lukaku, ma è poi monumentale nel recuperarlo stoppando anche il tiro di Lautaro Martinez.

L’Atalanta tiene il campo con personalità, arrivando però davanti ad Handanovic solo nel finale di tempo con una doppia occasione per Zapata, il cui colpo di testa da corner è deviato da un super Handanovic e sugli sviluppi dell’azione con Djimsiti, ancora di testa, ma Brozovic salva sulla linea.

La ripresa inizia sugli stessi ritmi molto alti e soprattutto con Ilicic al posto di Malinovskyi. Un chiaro segnale lanciato da Gasperini che cerca la vittoria, ma De Vrij chiude una combinazione tra lo stesso Ilicic e Zapata. Poi, al 10’, il vantaggio dell’Inter, pochi secondi dopo l’ingresso di Eriksen per Vidal, che stordisce la Dea: Romero salva su Lukaku evitando il 2-0 al 12’, ma i padroni di casa stringeranno ulteriormente le linee per difendere il risultato.

L’Atalanta, nonostante gli ingressi di Pessina e Muriel, fatica a pungere, creando una sola occasione, con Zapata a metà tempo con Zapata che però non inquadra la porta. Conte rafforza gli ormeggi con l’ex Gagliardini e alla fine si lascia andare ad un’esultanza sfrenata: lo scudetto si avvicina.
 

OMNISPORT | 08-03-2021 22:39

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...