,,
Virgilio Sport SPORT

Marelli fa chiarezza su rigore pro-Napoli e se si doveva ripetere

Gli episodi chiave di Juve-Napoli visti alla moviola

Come ha arbitrato Valeri nella Supercoppa Juventus-Napoli? Perché non ha visto in diretta il rigore poi assegnato grazie all’intervento del Var? Prova a fare chiarezza Luca Marelli sul suo canale youtube. Per l’ex arbitro comasco, è la premessa, l’arbitro ha diretto bene ma ha commesso due errori.

Per Marelli è stata una gara deludente

Non è piaciuta a Marelli la partita (“Partita tanto noiosa, mi sono quasi abbioccato”) ma l’arbitaggio sì: “Valeri, al di là degli ultimi 10′ quando è apparso un po’ in difficoltà fisica ma si gioca in continuazione e non è facile recuperare, sta facendo la sua miglior stagione da 4-5 anni”.

Per Marelli c’era giallo per Kulusevski

Tre gli episodi da rivedere: “Al 19′ contrastro tra Mario Rui e Kulusevski che commette un fallo pesante in velocità, toccando col braccio Rui tra collo e spalla. Mi aspettavo un cartellino giallo che non è arrivato ma è l’unico errore commesso da Valeri in tutta la partita. Ho avuto un po’ d’apprensione perché sbagliare un intervento disciplinare dopo 19′ può essere un fardello che ti porti per tutta la gara ma così non è stato. Ha avuto autorevolezza con i giocatori ma è riuscito anche a parlare con loro. Nel secondo tempo c’è il gol di Ronaldo al 63′: qualcuno ha pensato al fuorigioco ma non era così e inoltre la palla era stata toccata prima da Bakayoko con la mani (ma non ci sarebbe stato rigore perchè non era un mani punibile)”.

Per Marelli abbaglio di Valeri sul rigore

Al 76′ il momento chiave col rigore concesso al Napoli per il fallo di McKennie su Mertens: “E’ un abbaglio colossale di Valeri che era in posizione perfetta per valutare il contatto, a 7-8 metri, ma ha perso un pezzo dell’azione. La dinamica è standard: non c’è volontarietà nel fallo, Mertens è molto veloce ad anticiparlo, a cominciare a controllare col sinistro ma McKennie, ormai anticipato, calcia la caviglia nel tentativo di prendere il pallone. E’ il classico fallo da negligenza. Il Var giustamente lo ha richiamato”.

Poi conclude: “Sull’esecuzione del rigore c’è chi dice che andava ripetuto. Al momento del calcio di Insigne ci sono 4 giocatori all’interno dell’area, due della Juve e due del Napoli con appena un piede entro l’area, Non bisogna essere però talebani, è un rigore regolare, pretendere di più è troppo, il calcio non è un videogame“.

SPORTEVAI | 21-01-2021 11:29

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...