,,
Virgilio Sport SPORT

Maurizio Sarri rompe il silenzio: bordate alla Juve e a Ronaldo

"Il mio scudetto è stato dato per scontato, anche all'interno. Ora invece hanno festeggiato un quarto posto... Ronaldo? Ha interessi personali da abbinare a quelli della squadra".

Mauzio Sarri rompe il silenzio a un anno dal suo esonero dalla Juventus. Il neo allenatore della Lazio ai microfoni di Sportitalia è tornato sulla sua esperienza in bianconero, e non ha risparmiato diverse bordate alla Vecchia Signora e anche a Cristiano Ronaldo.

“Il mio scudetto con la Juve è stato dato per scontato. All’esterno, ma devo dire anche all’interno. Abbiamo vinto uno scudetto senza festeggiarlo, ognuno ha cenato per conto suo. Probabilmente l’anno giusto sarebbe stato questo, dopo un quarto posto e ho visto che hanno festeggiato, probabilmente ci sono le condizioni ideali. Una squadra che viene da 8 anni di scudetti può dare tutto per scontato, ma nel calcio non è mai così”.

Su Cristiano Ronaldo: “La gestione di Ronaldo non è semplice, è una multinazionale che ha degli interessi personali da abbinare a quelli della squadra. È una situazione sicuramente difficile da gestire. Sinceramente io mi ritengo più bravo a fare l’allenatore e non il gestore, è una cosa che non mi piace, mi annoia e mi diverto di più in campo”. 

“È una gestione difficile, ci sono poi tanti aspetti positivi perché a fine anno Ronaldo porta risultati importanti. È chiaro che rappresenta qualcosa che può andare oltre a società e squadra, con tanti follower è chiaro che va oltre la normalità. È il prodotto della nostra società, negli ultimi anni sento parlare tanto di singoli e poco di squadre, che poi sono quelle che vanno in campo. E il valore della squadra non è la somma del valore dei singoli”.

Sul presunto litigio con Nedved: “Non è assolutamente vero. C’erano normali discussioni post partita. Non mi è piaciuto che la squadra dopo aver praticamente vinto il campionato avesse un po’ mollato. Non mi piacciono questi atteggiamenti, perché staccare la spina e riattaccarla dopo non è semplice. La squadra doveva tirare al massimo fino a fine campionato per poi presentarsi il più pronti possibile alla Champions anche se non era semplice perché avevamo giocato tante partite in 50 giorni. Per me staccare la spina era un errore“.

Frecciate anche a Pirlo: “Mi aspettavo un allenatore senza esperienza dopo di me? Non lo so, questo è l’effetto Guardiola che ha fatto tanti danni alla fine. Si è presa un’eccezione come se fosse una regola e si corre il rischio di bruciare dei ragazzi che dopo qualche anno sarebbero grandi allenatori. Sulla scelta va chiesto ai dirigenti della Juventus, non a me”.

Dove mi sono divertito di più? Al Napoli, e gli ultimi mesi al Chelsea“, è la stoccata finale ai bianconeri.

OMNISPORT | 05-07-2021 23:46

Tags:

Leggi anche:

SPORT TREND

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...