Virgilio Sport

Messi: un anno dopo la Pulce si pente di cosa fece al Mondiale in Qatar

La pulce torna su alcune polemiche vissute in Qatar prima del trionfo, dalla lite con Lewandowski al botta e risposta con il ct dell'Olanda van Gaal

02-12-2023 11:03

Dario Santoro

Dario Santoro

Giornalista

Scrive, commenta, racconta lo sport in tutte le sfaccettature. Tocca l'apice quando ha modo di concentrarsi sule interviste ai grandi protagonisti

Quasi sette anni fa, dopo la finale di coppa America persa col Cile nel 2016, Lionel Messi disse addio alla nazionale, preso dallo sconforto per quella che sembrava una maledizione senza fine: arrivare fino in fondo ai tornei internazionali e perderli puntualmente. Oggi invece non nasconde un pensierino per i mondiali del 2026, dopo aver alzato la coppa del Mondo l’anno scorso in Qatar. E proprio su quanto accadde nel dicembre del 2022 la Pulce torna con aneddoti interessanti.

Messi rigenerato in Mls, l’obiettivo è giocare un altro Mondiale

L’esperienza in Mls gli sta facendo bene. Il n.10 è tornato protagonista assoluto sia con l’Inter Miami che con l’Argentina e n un’intervista rilasciata al programma Star Plus Campeones ha detto. “Il tempo dirà se ci sarò oppure no nel 2026. Mi sembrava che dopo l’ultimo Mondiale fosse finita e fossi sul punto di ritirarmi, invece è tutto il contrario. Ora più che mai ho voglia di essere qui, perché dopo aver passato tanti anni di sofferenza, oggi viviamo un momento speciale che non avevo mai sperimentato prima con l’Argentina e voglio godermelo”.

Messi ricorda la lite con Lewandowski al Mondiale in Qatar

Ripercorrendo le tappe del Mondiale vinto in Qatar Messi si è soffermato su due polemiche forti che lo hanno coinvolto. La prima fu con Robert Lewandowski, quando nella gara con la Polonia si divertì a schernirlo, dribblandolo due volte di fila fino a costringerlo al fallo per rabbia. E rifiutando anche di dargli la mano a fine.
Da dove derivava l’astio? Quando Messi vinse il suo 7° Pallone d’Oro nel 2021, nel suo discorso disse che Lewandowski avrebbe dovuto meritarselo nel 2020, anno in cui il gala non si tenne a causa della pandemia. Ma Lewandowski, Più tardi, sostenne che Leo non era stato sincero con le sue parole: “Avrei voluto che le sue parole fossero sincere e non vuote”.

Da lì il risentimento di Messi: “Sinceramente mi diedero fastidio le dichiarazioni che aveva fatto. Perché quando ho ho vinto il Pallone d’Oro e ho detto quello che ho detto mi dispiaceva davvero tanto e che lui parlasse in quel modo era davvero fastidioso. Dopo però abbiamo parlato, quando è andato al Barcellona abbiamo chiarito”,
Messi e la polemica con van Gaal.

Il ricordo di Messi della partita Argentina-Olanda al Mondiale

Poi Messi ha fatto riferimento alla partita contro l’Olanda, nei quarti di finale, dove l’Argentina è riuscita a vincere 4-3 ai rigori, dopo un pareggio per 2-2 nei tempi regolamentari. “Non ho giocato bene. Mi dà fastidio quando la gente parla fuori dal campo e manca di rispetto al rivale. Non sono mai stato così. In campo possono succedere un milione di cose e poi resta lì. Prima della partita non ho mai provocato nessuno per surriscaldarlo e mancargli di rispetto, e non mi piace quando lo fanno a me. Penso che Van Gaal lo abbia fatto un po’ apposta”.

Ecco il motivo dell’esultanza alla Topo Gigio contro van Gaal e tutta la panchina olandese quando l’Albiceleste si portò sul 2-0 ma oggi Messi chiede scusa: “Sul gesto di Topo Gigio mi sono automaticamente pentito. Ho detto ‘che idiota, cosa ho fatto’, ho anche pensato ‘ora manca solo che perdiamo la partita”.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...