Virgilio Sport

Milan, le paure di Ibra scatenano la polemica tra i tifosi

L’attaccante svedese, dopo la gara con l’Atalanta, ha rivelato di sentirsi troppo isolato in attacco aprendo un dibattito tattico

Pubblicato:

Una sconfitta, non la prima, ma probabilmente quella più pesante. Il Milan resta al primo posto della classifica ma lo fa con qualche dubbio in più di quanti ne avesse avuti fino a questo momento in campionato. La squadra di Pioli si è arresa nettamente all’Atalanta in quello che è stato probabilmente il match peggio giocato dall’inizio del campionato e che ha creato un po’ di agitazione tra i tifosi. 

Le paure di Ibra

Dopo la gara con la formazione di Gasperini, hanno fatto discutere e continuano a farlo le parole di Ibrahimovic. L’attaccante svedese si è lamentato di essere troppo solo in attacco e con l’arrivo in casa rossonera del croato Mario Mandzukic ora si parla anche di un possibile cambio modulo in arrivo, per dare maggiore assistenza a Zlatan. 

La reazione dei tifosi

La Gazzetta dello Sport rilancia l’idea di un Milan diverso: “Le parole di Ibrahimovic sulla solitudine in attacco stanno spingendo Pioli a ragionare su un Milan diverso già in Coppa Italia – si legge sul quotidiano – possibile il debutto di Mandzukic al fianco dello svedese in un attacco a due punte”. Una possibilità che secondo molti tifosi rischia però di snaturare il gioco del Milan e la sua identità. 

Luca è decisamente contrario a questa possibilità: “Il Milan non cambia modo di giocare e identità per una partita persa. Due partite perse in campionato e primo posto. Il Milan continua per la sua strada”. Anche Andrea respinge l’idea di cambiamenti drastici: “Farei un po’ di turnover anche considerato che le partite di Coppa possono durare più di 90 minuti. Cambi di modulo no, solo a partita in corso, se necessario”. 

Allenatori sulla graticola

A metà stagione tutti gli allenatori delle big sono finiti sulla graticola. Nel corso delle settimane sono arrivate critiche nei confronti di tutti i tecnici che occupano le prime posizioni della classifica. Conte continua ad avere un rapporto complicato con la piazza nerazzurra, Fonseca è stato messo spesso in discussione con il fantasma di Allegri che continua ad aleggiare, Pirlo viene ancora ritenuto immaturo per la gestione di una piazza come quella juventina, e Gattuso sembra in bilico dopo l’ennesimo ko del Napoli. L’unico saldo al timone fino a questo momento è proprio Stefano Pioli, ma il passo falso casalingo contro l’Atalanta sembra comunque aver creato le prime scalfitture. “Cosa si può dire – sottolinea Cesare – a un allenatore che nell’anno solare ha fatto 84 punti? Ha sbagliato una partita, amen”. 

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...