Virgilio Sport

Milan-Napoli, Spalletti dopo i sorteggi di Champions adotta cautela. E ricorda: "Sotto questo profilo è favorito"

L'allenatore della capolista dopo il responso delle urne di Nyon per i quarti di finale della Champions League

17-03-2023 14:17

Elisabetta D'Onofrio

Elisabetta D'Onofrio

Giornalista e content creator

Giornalista professionista dal 2007, scrive per curiosità personale e necessità: soprattutto di calcio, di sport e dei suoi protagonisti, concedendosi innocenti evasioni nell'ambito della creazione di format. Un tempo ala destra, oggi si sente a suo agio nel ruolo di libero. Cura una classifica riservata dei migliori 5 calciatori di sempre.

Personaggio sui generis, colto e creativo (e non solo nel calcio), l’allenatore più osannato per la sua inventiva anche oltre i confini della Serie A (vedi la polemica con Pep Guardiola) preferisce il profilo basso. Non si è mai detto scaramantico, eppure verrebbe da crederlo tale per quanta diplomazia gli viene nel rispondere sul Milan, prossimo avversario di Champions League, dopo il sorteggio odierno a Nyon. Spalletti è cauto, ma non può certo negare l’evidenza di un campionato straordinario, come quello del Napoli.

Milan-Napoli, le perplessità di Spalletti

Scansato proprio Pep Guardiola, con il quale aveva avuto il suo dire Luciano Spalletti non è contento del sorteggio dei quarti di finale di Champions:

“Intanto avrei preferito non incontrare una italiana. Poi solo gli incompetenti di calcio parlano di sorteggio favorevole. Solamente il Real Madrid ha vinto più Coppe dei Campioni del Milan. E il loro direttore generale, Paolo Maldini, da solo ne ha vinte 5. Il Milan ha una storia che parla a proprio favore”.

L’esperienza è tutto

Secondo l’allenatore toscano, è anche una questione di esperienza quella che riguarda questo derby italiano, temuto e fissato dalle urne svizzere che metterà una di fronte all’altra l’attuale capolista e la vincitrice dell’ultimo Scudetto:

“L’esperienza in campo internazionale, tutti riconoscono che sia fondamentale. E sotto questo profilo, allora, il Milan è favorito. Oltretutto ha eliminato una squadra molto forte che è il Tottenham“. Prevenire è meglio che curare: “Sto sentendo che siamo dalla parte facile del tabellone. Ma chi lo dice che sia facile? Bisogna essere equilibrati nelle valutazioni, a parole non si costruiscono i risultati”.

Insomma, stando a Spalletti, non si può e non si deve mai sottovalutare l’avversario che si trova davanti che – sul piano delle competizioni europee – ha dei trofei in bacheca che parlano da sé e che, in queste ultime settimane dalla ripresa del campionato ha il suo percorso.

Lo stato di forma dell’avversario

Per questa ragione, spende ancora una valutazione sulla squadra di Stefano Pioli, che, in conferenza stampa, si è mostrato altrettanto modesto e attento a rilasciare dichiarazioni che potrebbero essere presto smentite dai fatti e dai numeri:

“Il Milan è in crescita costante, ha passato il periodo buio della stagione ed ha trovato un nuovo assetto. Ci aspettano 3 partite ravvicinate contro di loro e vincerà chi sarà più bravo e in condizione. Il Milan è un avversario importantissimo”.

Un modo, neanche poi così inusuale, per mettere un po’ di pressione agli avversari che saranno più abituati a gareggiare a questi livelli ma che rimangono ancora reduci di quel che in campionato è parso evidente.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Sassuolo - Empoli
Salernitana - Monza
Genoa - Udinese
SERIE B:
Cremonese - Palermo
Brescia - Reggiana
Sudtirol - Bari
Cittadella - Catanzaro
Ternana - Lecco
Pisa - Venezia
Como - Parma

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...